CRONACAPRIMO PIANO

Via i rumori dall’area portuale, concesso il suolo comunale all’Enel

Arriva un altro significativo passo in avanti per fare in modo che i traghetti fermi nel porto non disturbino più il sonno dei residenti nella fascia oraria notturna

La giunta municipale di Ischia, guidata dal sindaco Enzo Ferrandino, ha votato una delibera di giunta avente ad oggetto “approvazione schema di concessione di uso gratuito di suolo comunale alla E-Distribuzione per la installazione di cabina di trasformazione per il potenziamento del servizio dell’area portuale”. Come si ricorderà, la cabina in questione consentirà alle navi in sosta nello specchio d’acqua dell’ex lago borbonico di non dover più utilizzare generatori autonomi per usufruire della necessaria corrente elettrica: strumenti, i generatori, che per decenni hanno turbato il sonno dei residenti che nel tempo hanno reiteratamente chiesto una soluzione al problema. Fino a poco tempo fa, però, invano.

Nel testo l’esecutivo guidato dal sindaco Enzo Ferrandino delibera di approvare lo schema di concessione d’uso gratuito di suolo comunale alla e-distribuzione spa per la installazione di cabina di trasformazione per il potenziamento del servizio dell’area portuale; di demandare ai Responsabili di servizio di competenza tutti gli atti consequenziali; di dare atto che non comporta impegno di spesa; con separata ed unanime votazione la presente viene dichiarata immediatamente eseguibile in relazione all’urgenza”. La delibera ricorda anche come lo scorso 1 agosto la Enel Distribuzione avesse chiesto di avere a disposizione (mediante la formula dell’occupazione di suolo pubblico) una porzione di area comunale sita nell’area del Parco Pagoda, proprio al fine di fornire energia elettrica all’area portuale. Nella parte successiva si sottolinea come “la cabina su richiamata consentirà alle navi ormeggiate nel porto di alimentarsi con l’energia elettrica, consentendo così di spegnere i motori ed eliminare tutte le immissioni rumorose che continuamente sono segnalate dagli abitanti e dagli esercizi commerciali adiacenti all’area portuale; che tale intervento sarà a vantaggio dell’intero benessere urbano e ambientale; che per l’installazione della cabina sopra descritta è stata predisposta apposito schema di concessione d’uso gratuito di suolo comunale per durata di anni 30 (trenta) a decorrere dalla data di sottoscrizione della predetta concessione e sarà tacitamente rinnovata di 30 anni in 30 anni”. Insomma, il silenzio non è mai stato così vicino.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close