ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Villa Arbusto, il museo diventa teatro: a Lacco Ameno suggestioni tra i reperti

Il Museo di Pithecusae, a Lacco Ameno, trasformato in un suggestivo palcoscenico. Con gli spettatori condotti per mano dalla trama di uno spettacolo teatrale e gli spazi di Villa Arbusto che sono diventati, per una notte, un vero labirinto di azione e narrazione. Sullo sfondo delle teche con i millenari reperti dell’isola si è dipanata la narrazione de “La casa di Asterione”, uno spettacolo teatrale inserito nell’ambito di “Metamorphosis. I miti, i luoghi, la memoria”, il cartellone di eventi pensato dall’assessorato alla Cultura del Comune di Lacco Ameno con la direzione artistica di Salvatore Ronga. Videoproiezioni (“Ball-Room, a cura di “The Mother Factory”) e performance teatrale si sono intrecciate, tra luci ed emozioni, tra le teche che custodiscono – tra l’altro – la celebre Coppa di Nestore, uno dei reperti più preziosi della collezione del Museo: rinvenuto nella necropoli di San Montano  dall’archeologo tedesco Giorgio Buchner,  la cui iscrizione costituisce uno dei più antichi esempi di scrittura alfabetica.
Gli spettatori, a gruppi di nove, hanno attraversato il Museo lasciandosi trasportare dal filo della narrazione, che s’ispira a una delle opere più celebri di Borges, l’Aleph, in cui lo scrittore argentino esplora il mito del Minotauro. L’evento ha coinvolto gli attori Roberto Scotto Pagliara (già protagonista della miniserie Rai “Sotto Copertura”, che racconta in due puntate la storia di Antonio Iovine, super boss della camorra),  Rosanna Nocera, Leonardo Bilardi Daniele Boccanfuso, Irene Esindi e Angelo Iacono.
In parallelo con la performance, l’applaudita installazione multimediale, proiettata anch’essa all’interno del Museo. “Proseguiamo nell’intento di una piena valorizzazione del Museo di Pithecusae”, spiega l’assessore alla Cultura del Comune di Lacco Ameno, Cecilia Prota.

Il programma di “Metamorphosis” prosegue domenica 31 luglio con “La Trama delle donne”, un’originale rivisitazione dell’Odissea in chiave femminile (in replica il 28 agosto): lungo il pergolato della Villa, accompagnati dalle musiche di Daniele Ubjk, Elena, Nausica e Penelope racconteranno e si racconteranno, offrendo agli spettatori una visione insolita, certo suggestiva, del poema omerico.
Preziose le scenografie curate dall’artista del tessuto Bettina Buttgen.
Tra gli eventi più attesi in cartellone, l’Inno al Sole – Suoni e parole del vespro mattutino, uno spettacolo teatrale in programma il 7 agosto alle 5 del mattino sul terrazzo del museo. Gli spettacoli teatrali s’inseriscono in un programma di aperture straordinarie del Museo, con biglietto d’ingresso dal costo di 10 euro; ingresso libero, invece, per seminari ed incontri nei giardini di Villa Arbusto.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button