CULTURA & SOCIETA'

“Vincenzo De Lucia”: l’imitatore geniale di Made in Sud lo vogliamo ad Ischia!

Chi avrebbe mai pensato di vedere una seconda Maria De Filippi in tv?

Eppure esiste, perché l’ha portata sul palcoscenico di Rai 2, il grandissimo Vincenzo De Lucia , un giovane attore e comico di grande talento.

Finalmente l’Italia intera sta premiando la sua bravura, grazie alla partecipazione al programma Made in Sud, condotto da Fatima Trotta e Stefano De Martino.

E’ nato a Napoli nel 1987 e alle spalle si vanta di una lunga gavetta nel mondo del teatro dove ha rivestito molti ruoli, da attore a regista e sceneggiatore.

La sua specializzazione è l’imitazione femminile di personaggi famosi. È un ottimo emulatore versatile che nel 2009 ha vinto il premio “Alighiero Noschese” come migliore imitatore e trasformista campano, massimo riconoscimento per un imitatore superlativo a livello nazionale.

Il comico campano è uno specialista nelle imitazioni tutte al femminile.

Si è fatto apprezzare in particolare nel programma Made in Sud, dove ha eseguito un’impersonificazione perfetta di Maria De Filippi in cui emerge il suo grande talento; è unico nel suo genere.

La tv italiana non ha mai avuto una Maria De Filippi così realistica. E’ proprio lei! Vincenzo è riuscito a far risaltare la personalità della presentatrice in maniera credibile e suprema.

Non solo la conduttrice di Uomini e Donne, ma anche Barbara D’Urso e Mara Venier sono tra le donne della tv preferite del comico napoletano.

Un repertorio esemplare, ricco di personaggi dello spettacolo tra i più amati dal pubblico: Vincenzo De Lucia è un imitatore davvero eccellente.

Al suo talento è dedicata questa intervista.

Chi è Vincenzo?

Un ragazzo di 33 anni, credo semplice, con una radice familiare solida e tanti amici che gli “salvano”ogni volta la vita, popolando le sue giornate, spesso tormentate dai dubbi e dalle paure, con un sogno ed una passione che si sono trasformati in un lavoro: lo spettacolo!

Come è iniziato il tuo percorso da imitatore? C’è un personaggio al quale sei legato?

Ho cominciato da bambino, ma per gioco, imitavo personaggi della tv d’infanzia, poi amici, parenti, abitanti del quartiere e professori.

Nel 2009 ho vinto il “Premio Alighiero Noschese” come miglior imitatore e trasformista Campano.

A quel punto, ho scelto di tradurre un semplice gioco in un lavoro, prendendo a modello proprio il più grande imitatore Italiano: Noschese.

Ho optato però nel riprodurre solo voci femminili e renderle vive attraverso l’en-travestì la completa immedesimazione nel personaggio imitato.

Dal trucco, alle parrucche, passando per il “tacco”… con un pizzico di sale in più: a volte la satira a volte la follia.

Tra quelle che più amo e mi diverto ad imitare c’è Mara Venier.

Mara è una vicina di casa, o una zia di famiglia, amante della buona tavola (sono famose le sue cene e la sua cucina) e del buon vino, Mara è allegria… per questo si sposa ad ogni tipo di situazione.

La amo particolarmente per la sua genuinità e simpatia e poi ci lega un affetto sincero.

Ad oggi sei considerato un talento della tv italiana.

Ti rispecchi in questo?

Ringrazio per la generosità chiunque abbia ritenuto opportuno attribuirmi certi aggettivi.

Trovo che ci sia ancora tanta strada da percorrere ed è vero che il “talento” da solo non basta. Questo mestiere è in continua evoluzione e costruzione e più passano gli anni, più cambiano i gusti e le mode e più è difficile fare breccia e rimanere custoditi nel cuore di chi guarda la tv. Restare miti come Baudo o la Carrà, Walter Chiari o Paolo Poli non sarà più possibile, quella magia non c’è più ed esiste un offerta televisiva molto più ampia dei soli sei canali a cui la mia generazione era abituata…la gente oggi guarda quello che vuole sì, ma in maniera più “veloce” e forse più distratta.

Da quando lavori per Made in Sud è cambiata la tua vita?

A dire la verità faccio esattamente quello che facevo prima di “Made in Sud” con qualche coccola in più da parte di chi mi segue magari sui social … ma la mia vita è rimasta quella di sempre.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Spero si possa riprendere presto ed a pieno regime tutta l’attività artistica e quindi anche il teatro.

Prima di questa pandemia avevamo un progetto teatrale in cui credo molto, “Donna Madonna” scritto e diretto da Massimo Andrei un regista ed autore geniale.

Un omaggio alla casalinga ed insieme alle dive della tv, tutte insieme sullo stesso palcoscenico. Un trionfo di luci, colori e risate.

Speriamo di poter debuttare nella prossima stagione. E poi chissà…

Ad Ischia sei molto stimato, verrai a trovarci? Ci piacerebbe averti come protagonista di un evento sull’isola

Ischia è un posto magico, meraviglioso, autentico.

Sarei davvero molto onorato di poterci tornare con uno spettacolo.

Mi auguro succeda!

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button
Close