Statistiche
ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Vino e Arte, un matrimonio d’eccellenza nel nome della cultura

L’arte del vino e il vino nell’arte. Due eccellenze che si incontrano oggi in tutta Italia, tra saloni storici e quadri d’autore, maestosità architettoniche e antichi siti. Che tra l’arte e il nettare di Bacco ci fosse un legame inscindibile, lo si sapeva da tempo: un legame che affonda le proprie radici da secoli e che noi Italiani in modo particolare, respiriamo nelle molte rappresentazioni artistiche sin dall’antichità. Un connubio perfetto che nel Bel Paese si è via via concretizzato in opere meritorie grazie ai grandi nomi del vino, basti pensare al restauro del tempio di Selinunte finanziato dalla cantina siciliana Settesoli o all’impegno del Consorzio Vini di Montefalco nel restauro dell’affresco della Madonna della Cintola di Benozzo Gozzoli. Le etichette del vino diventano sempre più simili a quadri d’autore e adottare l’arte e la cultura per promuovere vino e territorio è ormai un modello di valorizzazione della filiera vitivinicola.

Per imparare la cultura del vino italiano e poterne comprendere la vera essenza, bisogna immergersi in vigna e in cantina ancor prima che nel bicchiere ma è anche necessario conoscere in profondità i territori in cui esso nasce. Vigneti secolari incastonati in opere naturali di rara bellezza, come i vigneti della nostra Isola, ad esempio. Dalla forza di questo legame e per mostrare la bellezza del vino e il suo strettissimo legame con l’arte e la cultura, il MIBACT, Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, ha reso disponibili oltre 15 sedi museali nelle diverse regioni d’Italia per sostenere il progetto dell’Associazione Italiana Sommelier, la Giornata Nazionale della cultura del vino e dell’olio, giunta ormai alla sua settima edizione.

Vitigni e cultivar tradizionali, un’identità da preservare, un patrimonio da valorizzare, è il tema di quest’anno, un argomento di forte impatto già presentato a Roma il 10 maggio, in una conferenza stampa tenuta presso il Ministero dei Beni culturali: tra i relatori, Antonello Maietta, Presidente Nazionale AIS e il Sottosegretario di Stato al Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Antimo Cesaro. “Vino e olio rappresentano l’esempio più lampante della ricchezza che il nostro Paese sa offrire, tanto dal punto di vista delle condizioni climatiche e della fertilità della sua terra, quanto della capacità umana di trasformare questi doni della natura in prodotti dalla riconosciuta eccellenza mondiale” – ha dichiarato il Sottosegretario Cesaro – “Un patrimonio che non teme la concorrenza globalizzata ma che va protetto, conosciuto e valorizzato, anche attraverso campagne di sensibilizzazione, come questa, sulla qualità e le varietà di prodotti che possiamo offrire”. Numerose infatti sono le novità e le collaborazioni, tutte importanti. A partire dal MIBACT che ha aderito a questo progetto ritenendolo un’ulteriore opportunità per dare risalto ad alcune sedi museali attraverso questo legame inscindibile.

Si consolida il rapporto con il Ministero delle Politiche Agricole MIPAAF, che rinnova la sua collaborazione attraverso la direzione generale dell’Ispettorato Centrale Controllo Qualità e Repressione Frodi agli eventi regionali, nei quali sarà trattato il delicato tema dell’etichettatura, vino e olio in particolare. RAI e TGR saranno inoltre Main Media Partner dell’iniziativa, contribuendo con le proprie redazioni regionali alla diffusione della conoscenza della Cultura dell’Olio e del Vino. “Abbiamo immaginato questa giornata  come un’opportunità per rinvigorire il legame fra gli ambiti storici e il contesto sociale in cui sono inseriti” – afferma il presidente AIS Antonello Maietta “L’obiettivo che ci poniamo è quello di declinare il paesaggio agricolo in un aspetto culturale, turistico e, perché no, anche economico. Vino e olio di qualità, oltre a dare valore al territorio, costituiscono infatti una voce significativa per il mercato interno e per il nostro export”.

Durante la Giornata, nelle diverse regioni italiane, i funzionari del MIPAAF, illustreranno alcuni aspetti fondanti del recente Testo Unico sul vino, così come saranno raccontate le vicende che hanno legato arte e cultura a vino e olio; in alcuni casi con la possibilità di allargare lo sguardo verso antichi vigneti ed uliveti. Saranno i sommelier AIS che a margine di ogni evento proporranno un altro percorso guidato, questa volta organolettico, tra i vini e gli oli di eccellenza di ogni regione d’Italia, raccontando i colori, i profumi ed i sapori che gli esperti avranno contestualizzato culturalmente. La cornice scelta dall’AIS Campania è un esempio tra i più belli al mondo, di grande suggestione e importanza storica: le superbe sale della Reggia di Caserta, tra maestosità architettoniche volute dai Borbone e l’unicità dei giardini del palazzo reale Vanvitelliano di recente riaperti al pubblico.

Ads

Campania Semper Felix. Idee e Sapori della giornata nazionale del vino e dell’olio è il tema dell’interessante convegno che sarà seguito da degustazione guidate da Relatori e Degustatori dell’Associazione Italiana Sommelier Delegazione di Caserta. Tra i relatori, Chiara Marciani, Assessore alla formazione e alle pari opportunità della Regione Campania e Maria Sarnataro, Vice-presidente Associazione Italiana Sommelier Campania. Un’occasione importante, la Giornata Nazionale della Cultura del Vino e dell’Olio, una festa che l’AIS affronta in tutta Italia come mezzo di comunicazione delle nostre eccellenze, rivolto non solo ai numerosi soci e sommelier ma a tutti coloro che hanno a cuore i sapori e i profumi del nostro patrimonio vitivinicolo e oleario.

Ads

Malinda Sassu  

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex