Statistiche
CRONACA

Violento e stalker, oggi l’interrogatorio del 22enne casamicciolese

Nella giornata odierna l’indagato comparirà davanti al gip per rispondere alle sue domande, assistito dall’avvocato Clotilde Di Meglio: è accusato di atti persecutori, lesioni e minacce aggravate e continuate

Comparirà oggi dinanzi al gip il 22enne casamicciolese raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari emessa dalla Procura della Repubblica di Napoli dopo una lunga indagine condotta dai carabinieri della Stazione di Forio. Il giovane deve rispondere del reato di stalking e violenze nei confronti della sua ex fidanzata, contro l’indagato non c’è soltanto la circostanziata denuncia della vittima – che aveva deciso di interrompere una relazione sentimentale che si era trascinata in maniera terribile e tormentata per ben cinque anni – ma anche i riscontri testimoniali raccolti in un’indagine lampo dai militari dell’Arma, guidati dal capitano Angelo Pio Mitrione e coordinati dal luogotenente Salvatore Soriente. Insieme all’indagato ci sarà ovviamente il suo difensore di fiducia, Clotilde Di Meglio, e non c’è dubbio che c’è davvero molta curiosità per capire se e in che misura il 22enne deciderà di rispondere alle domande che gli verranno poste per provare quantomeno ad alleviare una posizione che a leggere gli atti e l’ordinanza di custodia cautelare è davvero pesantissima.

L’uomo è ritenuto responsabile dei reati di atti persecutori, lesioni e minacce aggravate e continuate. Le indagini hanno permesso di ricostruire che l’arrestato, da svariati anni, esercitava nei confronti della ex fidanzata pressioni psicologiche e violenze fisiche. La gelosia e l’ossessione del controllo spesso spingeva il ragazzo a verificare la messaggistica del telefono cellulare della donna, costringendola addirittura a restare in casa e ad abbandonare le proprie amicizie. L’attività investigativa, come detto, è scaturita da una dettagliata denuncia della parte offesa che ha deciso di rivolgersi ai carabinieri dopo l’ennesimo atto di violenza avvenuto qualche giorno fa. Quando il 22enne casamicciola aveva investito con la propria autovettura la madre della ex compagnia nel centro di Forio, provocandole lesioni guaribili in dieci giorni. Un gesto pericoloso e di inaudita violenza, servito però a squarciare quel muro di silenzio che aveva caratterizzato cinque anni di soprusi. E sufficiente a raccogliere sull’indagato quelli che vengono ritenuti dagli inquirenti gravi ed inequivocabili indizi di colpevolezza.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Controllare Anche
Close
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x