CULTURA & SOCIETA'GALLERIA

“Vivi Social, entra nel Sociale”, l’AVO di Ischia a caccia di giovani volontari

Giovedì scorso la XI giornata nazionale dell’associazione con banchetti informativi al piazzale Aragonese e in piazza Croce per far conoscere la realtà isolana

“La XI giornata nazionale A.v.O. si è conclusa con numerose manifestazioni in tutta Italia. Questo ci rende orgogliosi e da tutto ciò si evince che il bene comune è ancora una priorità per molti. Quest’anno lo slogan “vivi social, diventa volontario” era rivolto ai nostri giovani che non sono mai mancati nella nostra A.V.O. Ma bisogna continuare a coinvolgerli e che oltre ad essere Social possano entrare nel sociale. La mia esperienza mi ha portato a puntare sempre su di loro ma senza tralasciare l’esperienza del Volontariato con certificata esperienza”. E’ questa la testimonianza di una delle volontarie dell’Associazione Ospedaliera che, giovedì scorso, ha preso parte all’undicesima giornata nazionale. Ischia era presente in piazza Croce e presso il piazzale Aragonese con dei banchetti informativi, pronti a rilasciare a chiunque, informazione circa la loro attività di volontariato in Ospedale e non solo. “Chi trova un amico trova un tesoro, anche in Ospedale”. Così recita lo slogan apposto su di un cartellone pieno zeppo di fotografie che raccontano le tante attività organizzate dai volontari Ospedalieri ischitani per chi vive un momento di difficoltà.

Tra gli obiettivi della giornata quello di ribadire l’importanza e la specificità dell’apporto che i giovani possono portare a questo tipo di volontariato e stimolare nei ragazzi la voglia di mettersi in gioco in prima persona, offrendo loro la possibilità di passare dai “Social” al “Sociale”: fatto di rapporti reali, di incontri veri, di sguardi, di parole dette e ascoltate.

Tra le finalità di ‘Vivi social’, oltre a far conoscere Avo, c’è quella di proporre il volontariato come un modus vivendi, sottolineare l’importanza e la specificità dell’aiuto che possono portare i giovani e stimolarli a mettersi in gioco in prima persona. Sin dall’inizio della sua presidenza, Teresa Sasso, ha voluto avvicinare i giovani a quest’ organizzazione di volontariato senza finalità di lucro riconosciuta a livello nazionale come una delle più importanti realtà nel settore socio-sanitario. In linea con le direttive nazionali, dunque, è ai giovani che ci si è rivolti, accogliendo loro con un sorriso lo stesso che dovranno porgere ai malati in Ospedale o a gli anziani ricoverati presso Villa Mercede.

Ad oggi sono circa 25.000 i volontari che ogni giorno, in oltre 250 sedi in tutta Italia, prestano un servizio concreto, costante e gratuito accanto ai pazienti e ai loro famigliari negli ospedali, negli Hospice, nei Centri diurni per disabili e per malati psichiatrici e nella case di riposo accanto agli anziani. Tale queste realtà è presente anche a Ischia, dove opera un gruppo di volontari che presta servizio di ascolto e conforto morale e psicologico agli ammalati. Il gruppo ischitano svolge dunque un’azione importante e aspetta di crescere di numero per mettere in atto i tanti progetti per far del bene alla nostra comunità.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllare Anche

Close
Back to top button
Close