Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Voci e commenti del dopo voto, Giacomo Pascale«Voto anti-sistema al M5S, la Lega premiata dal forte radicamento sul territorio»

«In linea generale è emerso che gli Italiani hanno preferito votare due partiti anti-sistema, la Lega al Nord e il Movimento 5 Stelle al Sud.  Anche sull’isola d’Ischia si è verificato un travaso di voti dal Partito democratico al M5S. Se il Pd avesse retto meglio, allora Forza Italia sarebbe rimasto primo partito a livello locale: i dati vanno quindi analizzati nel loro giusto contesto, zona per zona. Ad esempio in alcuni comuni qualche voto perso da Forza Italia si è spostato alla Lega, quindi sempre all’interno della coalizione di centrodestra. Quindi più che il dato numerico, diventa appariscente il dato politico, con la gente che ha preferito votare in larga parte il Movimento e la Lega: un fenomeno che sottolinea quanto il problema non siano gli uomini ma le politiche da cambiare. La sfiducia della gente si è materializzata in un voto che non credo si sia basato sui programmi. La politica è ormai scollegata dal territorio. In tale contesto, cresce la Lega, un movimento che, al netto del sistema elettorale con cui si vota, continua a conservare un forte radicamento sul territorio ottenendo due risultati: mantiene contatto costante con la popolazione e rinnova continuamente la propria classe dirigente, che si struttura al consiglio comunale di provincia fino al Parlamento. Inoltre, porta alla ribalta nazionale i problemi avvertiti dalla gente comune. Gli altri partiti invece hanno condotto la campagna in maniera virtuale, sul web e in tv, con un elettorato che si è mosso più sulla “sensazione” ma non per appartenenza. Il fatto che la Lega sia stata votata anche al Sud significa che questo atteggiamento paga, riuscendo a estendere progressivamente il consenso. Non si può ridurre tutto dicendo che essa parla alla “pancia” della gente. Dal punto di vista di Forza Italia, in Campania ha conservato percentuali intorno al 20%. Il senatore De Siano come coordinatore regionale ha dunque assicurato al partito un risultato decisamente positivo e rimane un punto di riferimento imprescindibile, con Forza Italia che costituisce l’architrave del centrodestra in Campania. Va da sé che qui paghiamo il fatto che la coalizione non gode delle percentuali che la Lega raccoglie al Nord».

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button