CULTURA & SOCIETA'GALLERIA

Whisky, cornamuse e dolci direttamente dalla Scozia

Il gemellaggio culturale con la condotta Slow Food di Ischia e Procida, “è filosofia senza frontiere, attraverso il cibo e il folkore: un territorio”, così Riccardo D’Ambra

Si è svolto al fresco del ristorante Il Focolare l’incontro whisky e cornamuse e dolci. Ospiti della Condotta slow food di Ischia e Procida, e di Riccardo D’Ambra che la presiede, direttamente dallo Slow Food di Aberdeen Locknagar – Scozia, Le Royal Cornamuse nei loro tradizionali “Kilt”. Arrivati a Ischia dalla zona Balmoral-Locknagar, una volta residenza estiva della Regina Vittoria e del Re Alberto, l’occasione è stata quella della 38° edizione del corteo di Sant’Alessandro; al Cretaio c’era anche il dott. Franco Napoleone che ha omaggiato gli amici scozzesi con una pubblicazione di foto antiche dell’isola d’Ischia. Intorno a un prodotto, ancora una volta, si è fatta comunità: al centro c’era il loro eccezionale ed esclusivo whisky accompagnato dai loro scottish biscuit. “Questo incontro – ha commentato Riccardo D’Ambra – rientra nella nostra filosofia di incontri senza frontiere. Attraverso il cibo e il folclore, un territorio”.Arrivato all’improvviso, il gruppo, con cornamuse e kilt si è esibito in un agorà reinventata per l’occasione in un tradizionalissimo e coinvolgente ballo. Bello vedere che erano soprattutto giovani e giovanissime a essere presenti qui a Ischia a testimonianza di una cultura e di un folklore che va avanti di generazione in generazione. “Sono ospiti della mia identità di isolano, e la miaidentità – ha detto ancora Riccardo D’Ambra – è il coniglio e la ndrezzata. Ognuno di noi in giro per il mondo cerca qualcosa di tradizionale e questo è un gemellaggio dove terra e sapori raccontano un territorio”. In un momento difficile per l’identità, che sta rischiando di perdersi sempre più con la globalizzazione, incontri come questo restituiscono il sapore dello stare insieme in un viaggio, fatto stando fermi, in cui si racconta la storia di un luogo attraverso il cibo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close