CRONACAPRIMO PIANO

Villa Mercede, primo incontro tra sindacati e cooperativa

Ieri a Grumo Nevano presso la sede della Civitas, che gestisce il servizio presso la residenza sanitaria di Fontana, è iniziato il tavolo di trattativa con le organizzazioni sindacalii per evitare i licenziamenti

È iniziato ieri mattina l’esame congiunto della procedura di licenziamento collettivo per alcuni dei lavoratori di Villa Mercede. A Grumo Nevano si è infatti svolta la prima riunione tra gli esponenti della Civitas, la cooperativa che gestisce il servizio presso la residenza sanitaria assistenziale di Fontana, e i sindacati (circa il 75% dei lavoratori nella struttura fa capo alla Uiltucs). Riunione giocoforza interlocutoria, con l’azienda che ha argomentato nel dettaglio le problematiche e le motivazioni che l’hanno spinta a dare il via alla procedura di licenziamento. La presidente Polverino  ha ribadito che le difficoltà di ordine finanziario sono state aggravate dalla decisione dell’Asl di abolire il servizio semiresidenziale a Fontana. Il sindacato ha chiesto di poter visionare della documentazione a supporto, in particolare dati economici, operativi e produttivi della cooperativa,  compreso l’elenco delle commesse sul territorio regionale, del personale impiegato, con le informazioni concernenti lo straordinario e le ferie, per studiare a fondo ogni anfratto della spinosa vicenda e capire se esistono possibilità di accordi alternativi nel tentativo di evitare il licenziamento. Al momento la vicenda è in una fase “tecnica”,  caratterizzata dagli snodi della procedura di licenziamento collettivo, che ha una durata massima complessiva di settantacinque giorni.

Intanto, a Villa Mercede i lavoratori continuano a prestare la propria insostituibile opera a sostegno degli anziani ospiti, con tre mensilità di stipendio arretrato. La Uiltucs ha attivato la procedura per chiedere all’Asl Napoli 2 Nord di intervenire in sostituzione per garantire i crediti dei lavoratori: si attende una risposta. In ogni caso, dal sindacato ribadiscono che le trattative continuano anche con la Regione e con la Prefettura: un’azione a largo raggio per tentare di trovare la migliore soluzione possibile ed evitare drammatiche e pesantissime ripercussioni sui lavoratori e sulle loro famiglie. Il tavolo di trattativa è stato aggiornato al 18 aprile. Quindi, anche se resta ferma l’intenzione, da parte sindacale, di valutare iniziative parallele e più incisive di lotta, al momento si è dato spazio alla trattativa.

È paradossale la sorte che tocca ai dipendenti di Villa Mercede: nonostante l’eccellenza sul campo, la struttura è stata da sempre soggetta alle incertezze di origine burocratica e in tema di opzioni strategiche da parte delle autorità sanitarie. La chiusura del Centro Diurno è stato l’ultimo innesco che ha gettato nuovamente nubi scurissime all’orizzonte dei lavoratori, che eroicamente mantengono intatta la propria altissima professionalità nonostante la quotidiana spada di Damocle sul loro destino.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close