ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

8 Marzo: Festa della Donna o consumismo?

Gli   “stripper” sono già pronti, depilati e tonici,fisicati da un addome scolpito, utile senz’altro ad esibirsi in mille modi per allietare la serata di festa al  numeroso pubblico femminile invitato a partecipare ai diversi locali  ad imbarazzanti “performance”. Già, la chiamano “festa”, ma è un giorno della memoria dal significato profondo e se il consumismo moderno ha voluto imprimere un significato diverso, è bene ricordare che l’8 Marzo è il giorno nato dalla lotta per i diritti civili, quel giorno terribile del 1908, dove 129 operaie  scioperarono nella fabbrica di camice Cotton di New York  per protestare contro le condizioni di sfruttamento disumane in cui erano costrette a lavorare, proprio quella fabbrica dove furono bloccate le uscite e dove le stesse trovarono una morte orribile arse dalle fiamme di un incendio appiccato volontariamente . Ad essere onesti, l’8 Marzo viene da tempo e nella maggior parte dei casi, insultato da numerosi spettacoli, quasi da definirsi osceni, organizzati da speculatori commerciali pronti a trasformare una giornata di commemorazione e di ricordo in un festino programmato, con un copione scadente quanto volgare.  Ma quest’anno, l’8 Marzo, sarà anche il giorno dedicato alla memoria della  giovane studentessa italiana Valeria Solesin, trucidata in modo barbaro da una selva di proiettili  quel terribile 13 Novembre scorso al teatro Bataclan  di Parigi  dagli esecutori dell’Isis . Un incontro bilaterale Italia- Francia  con il quale i Premier Hollande e Renzi dedicheranno a Venezia, città natale di Valeria, una giornata nel segno della memoria di quei terribili giorni. Un augurio dunque a tutte le donne ricordando che forse quello del ricordo, dell’amore, è il vero significato di questo giorno particolare che vale cento, mille volte  più di uno sparuto mazzolino di mimose.

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex