CULTURA & SOCIETA'PRIMO PIANO

«A Ischia uno dei resort di lusso più belli d’Italia», il riconoscimento di The points guy

Premiato il fascino del Mezzatorre e la gestione del gruppo Pellicano della famiglia Sciò. Si accendono i riflettori dei media internazionali sull’isola  

È ancora una volta la stampa straniera a premiare l’isola di Ischia ed uno dei suoi posti più belli. Il portale britannico “Thepointsguy.uk” ha stilato una classifica dei migliori resort di lusso d’Italia. In testa il Mandarin Oriental posizionato sull’affascinante e suggestivo Lago di Como, in seconda posizione, secondo il magazine britannico c’è Villa Marherita Belmond. Ai piedi del podio di questa particolare graduatoria l’hotel Mezzatorre di Ischia. A seguire la Masseria Torre Maizza in Puglia e Hotel de la Ville di Roma.

Per l’autore della classifica, Anthony Grant, “I resort italiani non sono come gli altri resort perché non esiste un paese come l’Italia. Questa è la terra variegata e multi-strato che ha dato al mondo il concetto di dolce vita, e ciò che i suoi migliori hotel e resort hanno in comune è il loro forte senso del luogo mescolato a una piacevole grazia. Oltre a ciò, tuttavia, le proprietà di lusso sono varie quanto i gloriosi paesaggi italiani stessi”. Il magazine The points guy ha celebrato sei affascinanti resort italiani che hanno aperto o sono stati sottoposti a importanti lavori di ristrutturazione nel 2019. Per il magazine inglese sono posti da “mettere sul radar del tuo viaggiatore 2020”. Nelle motivazioni della scelta del Mezzatorre il portale britannico esalta anche Ischia.

“L’isola italiana di Ischia di 29 miglia quadrate non è tanto famosa quanto la vicina Capri né affollata, e qui giace il suo fascino. E il posto migliore in cui rifugiarsi qui è questa torre di avvistamento del XVI secolo recentemente costruita e terreni arroccati su un promontorio sopra il Golfo di Napoli. La piscina di acqua salata è sorprendente, ma sotto c’è anche una scala a chiocciola che ti permette di tuffarti letteralmente nel mare ceruleo. L’idratazione viene anche dal basso: le acque termali naturali arrivano fino alla piscina della spa. Per quanto riguarda le camere, alcune sono orientate verso una pineta naturale, ma cercano di prenotare una camera nella sezione La Torre per quelle affascinanti viste sulla baia. Due ristoranti – uno a bordo piscina – e un bar aggiungono divertimento”. Il riconoscimento di The points guy è solo l’ultimo di una lunga serie. Lo scorso mese di dicembre l’hotel Mezzatorre ha ottenuto il Tatler Travel Award come miglior hotel al mondo sul mare. Si tratta di riconoscimenti che premiano la bellezza del Mezzatorre, le qualità imprenditoriali della famiglia Sciò e del gruppo Pellicano e la bellezza dell’isola di Ischia. Nei mesi scorsi anche il Wall Street Journal ed il Financial Times hanno dedicato pagine intere alla nostra isola con sezioni speciali per l’hotel Mezzatorre. In particolare il Wall Street Journal non ha frenato l’entusiasmo definendolo ‘stunning’, strepitoso.

“La struttura è da favola, come l’isola”, scrivono i media. E così l’intera isola di Ischia riceve i benefici, in termini di immagine, della nuova gestione del Mezzatorre a cura della famiglia italoamericana Sciò. Il 2019, ovvero il primo anno ischitano del gruppo Pellicano è stato positivo. Grandi aspettative ci sono anche per la prossima stagione turistica. A confermarlo anche Michele Sambaldi in occasione dell’attribuzione del Tatler Travel Award come miglior hotel al mondo sul mare. “I risultati quantitativi del primo anno – ha detto – ci vedono raggiungere i 6 milioni di euro di fatturato (+37% rispetto allo scorso anno) ed un ricavo medio camera di 523 euro (+41% rispetto allo scorso anno). Numeri, qualità e riconoscimenti internazionali sono sicuramente la nostra ricetta anche per il 2020, anno in cui vogliamo consolidare la nostra posizione e creare sempre maggiori sinergie con le altre strutture del Gruppo, l’Hotel Il Pellicano e La Posta Vecchia”. La famiglia Sciò, e lo dimostra il lavoro che sta svolgendo, vuole davvero portare questo hotel tra le destinazioni fisse nel taccuino del jet set internazionale, allo stesso livello delle due residenze che fanno già parte del gruppo e rappresentano modelli eleganti e iconici dello stile italiano nel mondo.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Complimenti e GRAZIE DI ESISTERE come una benedizione al giorno andrebbe indirizzata a Susana Walton artefice dei giardini LA MORTELLA.
    Altro che turismo low coast e disamministratori………locali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close