CRONACAPRIMO PIANO

A volte ritornano, tutti gli intrecci delle assunzioni sismiche

L’emblema del paradosso Casamicciola è rappresentato dalle selezioni per la formazione di un elenco (short list) di professionisti per il conferimento di incarichi extra dotazione organica

Assunti sismici a Casamicciola Terme. A volte, a ciò che si vede non si crede e, quel che accade in questo paese martoriato dalle catastrofi e dagli uomini, davvero, rasenta l’assurdo. L’emblema del paradosso Casamicciola è rappresentato dalle selezione per la formazione di un elenco (short list) di professionisti per il conferimento di incarichi extra dotazione organica con – profilo professionale tecnico e amministrativo contabile ai sensi dell’art. 110 comma 2 del TUEL n.267/2000 come modificato dalla Legge 114/2014.

Gli assunti

Lisa Di Iorio

L’istituto pagato con i soldi del terremoto, tra new entry e vecchie conoscenze, riporta negli uffici pubblici casamicciolesi Sara Castagna, Elisabetta Di Iorio, Vincenza Piro, Chiara Arcamone, Vincenza Piro, Immacolata Iacono, già destinatarie di decreto di incarico e, a seguire, Caterina Castagna, Michele Maria Baldino e Franco Fermo, in attesa di formalizzazione. Silurati, come da pronostico, gli storici assunti del terremoto: Aniello Carcaterra e Francesco Distinto. È meno male che il paese è gestito dai commissari di governo! Non osiamo immaginare altrimenti. Se la politica è l’arte del possibile, la gestione dell’ente del Capricho è di più e non importa quali siano gli inquilini che lo governano.

A volte ritornano…dopo lo sputtanamento

Ma andiamo con ordine raccontiamo i fatti.Il comune di Casamicciola ha seguito alla formazione di short list per tecnici ed amministrativi prodromica alla assunzione dei cosi detti impiegati sismici. Figure pagate con i soldi e con il pretesto del terremoto. I colloqui si sono tenuti il 2 gennaio scorso. Quel che è emerso è allucinante. Non parliamo di raccomandazioni, spintarelle e soffiatine, ma della palese negazione della correttezza istituzionale. L’attenzione, per questo, va riservata agli amministrativi contabili. Dal decreto commissariale n.2 al decreto commissariale n.4 c’è da farsi le croci con le mani storte e chiedere che sull’affare delle “assunzioni” a Casamicciola venga fatta finalmente chiarezza.

Ads

Se non altro per capire chi e come viene messo in condizione di manipolare è trattare dati sensibili che riguardano la popolazione. Specie in questo drammatico periodo.

Ads

La prima infornata di assunti con il 110% terremoto per le figure amministrative e contabili confermano, tra gli altri, Vincenza Piro ed Immacolata Iacono ed incardinano al Palazzo Municipale Elisabetta Di Iorio. Qualcuno dovrebbe ricordare la storia del recente passato di queste professioniste e dipendenti pubbliche sull’affare assunzioni e lo squallido termino allestito per accaparrarsi un post fisso. Direttamente dalle denunce, dai ricorsi alle procedure consorziali ai reciproci sputtanamenti pubblici, loro ritornano. Lo fanno conquistandosi persino un posto in prima fila.

Basta questo a far passare in secondo piano l’aspetto politiche, le aderenze, le parentele e le amicizie che conducono, come sempre, Tizio o Caio, nei ruoli chiave delle nostre pubbliche amministrazioni.

Dopo le denunce di brogli ed i ricorsi loro restano assunti

Sui concorsi truccati a Casamicciola, solo l’estate scorsa in ordine Imma Iacono, Enza Piro e Elisabetta Di Iorio sono stati al centro di un affare a tinte fosche sul quale ancora non si è fatta chiarezza. A scoperchiare il vaso di Pandora fu proprio la Iacono denunciando illeciti nei concorsi e dimettendosi dalla relativa commissione valutatrice e accusa. Nello specifico la neo assunta si rivolse al Segretario Generale, la dott.ssa Anna Li Pizzi, Rup del procedimento chiedendo l’“Annullamento in autotutela della procedura concorsuale per la copertura di n. 1 posto di Istruttore Amministrativo-Finanziario cat. D1”. Incarico sin qui ricoperto con il medesimo istituto degli assunti sismici dalla Dottoressa Enza Piro avviata, stando ai rumors alle indiscrezioni di palazzo verso una sicura conferma nel ruolo a bando.

Tanto tuonò che il corso venne annullato. Contro l’annullamento del concorso per il posto di istruttore direttivo finanziario a Casamicciola, deciso con una determina dello scorso 3 agosto, sono giunti ben due ricorso. Il ricorso, neanche a dirlo, della Enza Piro che ha ottenuto la sospensiva in attesa che il merito si sarebbe dovuto tenere in questo dicembre ed a seguire quello dell’altra candidata, Elisabetta Di Iorio, oppostasi all’azzeramento della procedura concorsuale ed all’apertura di un nuovo procedimento. Come è andata a finire? Semplice! La dottoressa Calcaterra ha annullato in autotutela i due concorsi indetti dal Comune di Casamicciola per gli istruttori amministrativi per la copertura di un posto di categoria C/C1 part-time e indeterminato con profilo professionale di Istruttore amministrativo, e di un posto di categoria D/D1 a tempo pieno e indeterminato di Istruttore Direttivo amministrativo “per sopravvenuti motivi di pubblico interesse ovvero nel caso di mutamento della situazione di fatto…”

A seguire la stessa Calcaterra ha assunto, ma attraverso altre strade, proprio Imma Iacono, Enza Piro ed Elisabetta Di Iorio. Le assunzioni in questione sono autorizzate in deroga ai vincoli assunzionali di legge ed il “Bilancio di previsione dello stato per l’anno finanziario 2022” ha autorizzato, per l’anno 2022, la spesa di euro 2.920.000, di cui: curo 700.000 per le finalità di cui in trattazione.Subordinando le stesse all’effettivo finanziamento della somma da parte dell’Organo Ministeriale competente nonché a specifica autorizzazione di legge.

La politica è marginale rispetto alla gravita dei fatti illeciti denunciati ed alla base dell’affaire concorsi ed assunzioni

Davvero assume un aspetto marginale, rispetto alla gravità dei fatti illeciti denunciati ed alla base dell’affaire concorsi ed assunzioni, che costoro siano fedelissimi di Giacomo Pascale che con Francesco Del Deo soffia nomi e cognomi nelle orecchie di chi deve decidere ed assumere, per evitare l’ennesimo scossone alla sua Giunta (assumete Imma Iacono) oppure che lo siano di un Giosi Ferrandino, come di una Nunzia Piro o ancora di Giovan Battista Castagna e Peppe Silvitelli per far assumere in ordine Lisa Di Iorio, Enza Piro e chi più ne ha più ne metta. E’ scandaloso. Altro che terra di mezzo. E, se poi, le referenze e le esperienze utili all’assunzione sono il lavoro “con mio marito” capirà bene il lettore in che mani siamo finiti. Con tutto il dovuto rispetto per i singoli individui, ma che cosa deve accadere più affinché finalmente si faccia chiarezza sulle squallide dinamiche di palazzo?

Aspettando gli assunti alluvionali

Aspettando gli assunti alluvionali, ne vedremo sicuramente delle belle. Casamicciola, dopo la tragedia del 26 novembre scorso è stata costretta a rivedere le sue priorità e gli assetti e con deliberazione del Commissario Straordinario n.26 del 15 dicembre 2022 sono stati assunti provvedimenti urgenti in materia di reclutamento di personale a tempo determinato per la gestione dell’emergenza alluvione. Servono, ovviamente, le necessarie coperture finanziarie. Il piano per le assunzioni a tempo determinato per 12 mesi e, in ogni caso, per tutta la durata dello stato di emergenza nel limite di spesa di €200.000,00 per 3 istruttori direttivi tecnici (assunti mediante scorrimento di graduatorie vigenti presso altre amministrazioni); 2 istruttori amministrativi nelle forme del lavoro flessibile (Somministrazione di lavoro).

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Chris

Hallo, hier spricht wieder Chris aus Berlin. (Würde mich freuen, IlGolfo24, wenn ich für euch offiziell als Autorin schreiben könnte. Manchmal ist es sinnvoll, aus “dem eigenem Saft” zu entweichen, “über den eigenen Tellerrand zu schauen”.)
Dieses politische “Kindergartengehabe”, dass einige Möchte-Gerne-Politiker anstreben, kann nur “nach hinten” losgehen. Es ist ein Kampf der “Mächtigen” auf Kosten der Bürger. Wieso braucht es auf einer ca. 41 qkm großen Insel mit ca. 68.000 Einwohnern eigentlich 6 Bürgermeister ???? Wozu soll das gut sein, was kostet dss dem Steuerzahler?
Wegen der Tradition vor bis zu 100 Jahren müssen die 6 ihre Berechtigung haben?
Für die Insel muß ein beherzter, studierter Tourismus-Betriebswirtschaftler her, der die Insel endlich in ein neues Zeitalter führt. Dabei darf er die nostalgische Komponente nicht aus den Augen verlieren.
Aber, weiterzumachen wie bisher, diesen Schlendrian (sorry) nicht abzulegen, wird der Insel über kurz oder lang mehr schaden als nutzen.
Nicht so viel jammern, einfach mehr Action zeigen!
Herzliche Grüße

Christel M. Ianuschewa
http://www.kunst-hinterglas.de

Back to top button
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex