CRONACAPRIMO PIANO

Benemerenza in municipio per Mannelli: «Ischia resterà sempre nel mio cuore» 

Ieri mattina l’ormai ex dirigente del commissariato ha ricevuto dal sindaco Enzo Ferrandino un attestato per il brillante lavoro svolto al servizio della comunità isolana, senza nascondere una certa emozione

Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi riportano. Così cantava Antonello Venditti e per la verità il protagonista della mattinata di ieri nella sala consiliare del municipio di Ischia non avrà questi problemi. Alberto Mannelli, ormai ex dirigente del commissariato di polizia di Ischia, con la nostra isola conserverà sempre un legame ed un rapporto particolare, che non sarà soltanto di natura “sentimentale”.

A testimoniare un affetto per la nostra terra e la sua comunità è la commozione che non è riuscito a trattenere quando nella mattinata di ieri ha ricevuto dal sindaco Enzo Ferrandino un attestato di benemerenza per i quattro anni e mezzo nei quali ha diretto la struttura ubicata in via delle Terme, prima di iniziare una nuova avventura a Bagnoli. Quattro anni belli, intensi, ma anche caratterizzati da un paio di eventi di quelli che non capitano tutti i giorni da queste parti: uno, decisamente imprevisto, è stato il sisma del 21 agosto 2017; l’altro, invece, il G7 dei Ministri degli Interni che fu caratterizzato da mesi di lungo lavoro per la sicurezza e l’ordine pubblico in un appuntamento per ovvi motivi ritenuto ad “alto rischio”.

C’è spazio per questi ricordi, ma anche per parole suonano dolcissime e che Alberto Mannelli pronuncia davvero senza riuscire a trattenere più di un pizzico di emozione: “Ischia avrà sempre un posto speciale nel mio cuore”. Gli chiediamo il perché e lui risponde senza esitazioni: “Io comunque sono napoletano, dunque quest’isola è un qualcosa di unico al mondo, per le sue bellezze ma anche e soprattutto per la sua gente”. Bagnoli è di fronte, in pratica – come ha voluto rimarcare il sindaco Enzo Ferrandino – Alberto Mannelli continuerà a poterla osservare quotidianamente. Ma il cordone ombelicale non si interromperà: in primis i figli del vicequestore termineranno l’anno scolastico a Ischia e poi la sua presenza sarà in ogni caso costante, quando gli impegni lo consentiranno un salto sull’isola verde è assicurato. E lui, sia pure a microfoni spenti, si abbandona anche a una riflessione: “Magari visitandola in forma privata e da turista imparerò ad apprezzarla ancora di più, in fondo mi sta già succedendo e nemmeno lo immaginavo”. Un’isola che, ne siamo certi, Alberto Mannelli continuerà a tutelare, anche diffondendone e raccontandone le sue bellezze, ma anche serbando un buon ricordo del popolo isolano, ricco certo di contraddizioni ma in fondo anche di tante virtù. Molte più di quante noi stessi, alle volte, crediamo.

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button
Close