CRONACA

Danni lievi, accolta una nuova istanza

Il Commissario liquida 27mila euro per il ripristino di un’abitazione casamicciolese

Continua l’esame delle istanze dei cittadini che hanno chiesto il contributo per riparare le proprie abitazioni colpite dal sisma del 2017. Com’è noto, per tali casi il Commissario d’intesa con le amministrazioni del Cratere emise l’Ordinanza n. 2 del 6 dicembre 2018 e l’Ordinanza n. 4 del 15 febbraio 2019 attraverso le quali venne rispettivamente disciplinato l’iter procedimentale per l’avvio degli interventi di riparazione immediata di edifici e unità immobiliari ad uso abitativo e produttivo danneggiati dagli eventi sismici, temporaneamente inagibili, oltre che i criteri e le modalità di determinazione del contributo erogabile per la realizzazione degli interventi stessi. Si tratta dei cosidetti “danni lievi”, e il Commissario ha appena sancito la conclusione di un’altra pratica, concedendo con apposito decreto la somma di Euro 27.457,66 a titolo di contributo in favore di un altro cittadino la cui abitazione è sita in Corso Luigi Manzi, tramite del Comune di Casamicciola Terme, per gli interventi di riparazione immediata di danni lievi. L’ordinanza si basa sull’art. 23, comma 1, del D.L. 109/2018 dedicato alla ricostruzione, dove è previsto che “Al fine di favorire il rientro nelle unità immobiliari e il ritorno alle normali condizioni di vita e di lavoro nei Comuni interessati dagli eventi sismici di cui all’articolo 17, per gli edifici con danni lievi non classificati agibili secondo la procedura AeDES […], che necessitano soltanto di interventi di immediata riparazione di carattere non strutturale, i soggetti interessati possono, previa presentazione di apposito progetto e asseverazione da parte di un

professionista abilitato che documenti il nesso di causalità tra gli eventi sismici di cui all’articolo 17 e lo stato della struttura, e attesti la valutazione economica del danno, effettuare l’immediato ripristino della agibilità degli edifici e delle strutture”;

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close