Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Emily Sirabella e “I segreti dell’isola d’oro”

Fino al 22 luglio al Food and bar Monzú a Ischia Ponte, la giovane artista emergente isolana, presenta una personale ispirata al mare

Ischia è la terra d’origine di Emily Sirabella, giovane artista autodidatta. Attratta dall’arte in ogni sua forma sin da piccolissima,si avvicina particolarmente allo studio dell’intensità dei colori e l’utilizzo di diverse tecniche e materiali per trasmettere un mondo ricco di colori e contrasti esprimendo la sua personalità. Lo spinto cromatismo delle sue opere ci coinvolge con forza nella sua arte. La pittura dei suoi dipinti diventa quasi una cromoterapia, una ricerca di verità e di luce. I colori si fondono in armonia e ogni composizione è costruita con colori, tono e consistenza che caratterizzano la sua arte mutevole e cangiante. I colori si scontrano armoniosamente e si sciolgono in toccanti sfumature. Questo è il bello delle sue opere da vedere assolutamente.

Come ti sei avvicinata alla pittura?

Fin da bambina sentivo in me una passione e una forza che riuscivo e potevo esprimere solo disegnando. Sono praticamente cresciuta con la matita in mano, da piccolissima passavo le mie giornate a disegnare, tanto che mia mamma si dimenticava della mia presenza, poi crescendo ho approfondito e sperimentato da sola le varie tecniche del disegno per poi passare alla pittura.

Ci sono formati o tecniche che prediligi?

In pittura sento particolarmente stimolante il grande formato e l’acrilico su tela, che mi dà l’immediatezza del gesto e la continuità di un lavoro svolto in un tempo relativamente breve. Solo il disegno non mi bastava, io amo i colori, quindi ho cercato di sperimentare varie tecniche e materiali.

Ads

Come scegli i tuoi soggetti e come arrivi alla definizione di una determinata composizione?

Ads

A volte i dipinti li vedo materializzati davanti ai miei occhi, a volte si fanno strada lavorando direttamente sulla tela. Sono dei brevi pensieri, sprazzi atmosferici, immagini che mi conducono alla rappresentazione in modo passionale. Traggo ispirazione da tutto ciò che mi emoziona, sono molto empatica, qualcosa deve entrarmi in pancia e per sentirla mia, la riproduco tramite le mie opere. Dopo anni di ricerca e studio ho trovato un mio “stile”, la mia essenza, la mia forza di procedere nella vita impegnandomi al massimo delle mie possibilità artistiche.

Da cosa nasce l’idea di realizzare una mostra personale?

Questa mostra è nata grazie all’ opportunità che mi hanno dato i ragazzi del Food and bar Monzú, locale situato nella suggestiva Ischia Ponte, inserendomi nel calendario estivo artistico, la loro grande iniziativa di far alternare gli artisti isolani con mostre personali. Sono felice di far conoscere la mia arte in un momento in cui c’è bisogno di rendere viva la cultura per ripartire. Potenziare queste iniziative servirà a rendere l’arte un simbolo di bellezza e vita.

Quali sono le tue fonti di ispirazione?

In questa mostra in particolare ho tratto ispirazione dal mare, che amo e temo, ma la sua forza, immensità e i suoi colori sono una fonte inestimabile per la mia fantasia.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Sono una persona che crede nel qui ed ora, oggi sono esattamente dove vorrei essere, insieme alla mia famiglia e regalare alla mia isola un pezzo di me.

Se penso al domani mi viene l’ansia! Preferisco pensare al presente e godermi ogni momento nel migliore dei modi.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x