Statistiche
POLITICA

Guarino suona la carica: «La storia del sisma grida vendetta»

Il candidato alla Camera dei Deputati nel collegio plurinominale Campania 1-01 guarda alla ricostruzione mancata: «Promesse non mantenute a danno di chi ha perso casa e attività»

«C’è una storia sull’isola di Ischia che grida vendetta. E da lì bisogna ripartire con urgenza, per colmare le mancanze del governo regionale. A Casamicciola Terme i danni del terremoto di 5 anni fa sono ancora evidente, la ricostruzione promessa non è mai arrivata. Con evidenti ripercussioni sulle vite di chi ha perso casa ed è stato sfollato e chi aveva ed ha attività che insistono nelle zone colpite dal sisma». L’avvocato Riccardo Guarino volge lo sguardo a una ferita ancora aperta sull’isola per spiegare in che modo intende declinare il suo interesse per Ischia in caso di vittoria alle Politiche.

Quarantacinque anni, sposato e padre di due bambine, l’avvocato Guarino è candidato capolista con ‘Noi moderati’ alla Camera dei deputati nel collegio plurinominale Campania 1-01 che, appunto, comprende anche Ischia. Un’isola a lui cara, dove si reca spesso sia per ragioni lavorative sia per vacanze con la famiglia. «Le immagini delle macerie del post-sisma che ancora fanno il giro dei tg e dei mezzi di informazioni sono intollerabili. Oggi gli ischitani rivendicano, legittimamente, un intervento che non è più procrastinabile – incalza Guarino – Come auspicato anche dal capo dello Stato Mattarella, la ricostruzione deve essere rapida e se la Regione Campania non è in grado di promuovere la rinascita dei luoghi devastati allora il Governo che verrà dovrà prendere la situazione in mano. In un momento di così profonda crisi economica, non è ammissibile che un territorio, le sue imprese e i suoi abitanti paghino anche per i ritardi e il disinteresse di una certa politica». Per ‘Noi moderati’ il lavoro e l’incentivo al lavoro è tra le priorità programmatiche, ragion per cui la ‘quarta gamba’ del centrodestra guarda con estremo interesse alle questioni occupazionali legate al terremoto di 5 anni fa.

Strettamente collegato al tema della ricostruzione, è il capitolo dell’abusivismo edilizio e del recupero di un’edilizia che in buona parte si presenta vetusta. «Quello dell’abusivismo edilizio è una piaga che da decenni divora l’isola di Ischia. E’ un tema delicato, che va affrontato con senso di responsabilità: da un lato bisogna garantire il diritto alla casa, soprattutto se è prima casa, ma dall’altro bisogna tenere conto della questione sicurezza e del rispetto delle regole urbanistiche, ambientali e paesaggistiche – spiega Guarino – Certamente non si può procedere ad una demolizione sic et simpliciter senza avere trovato adeguate risposte alle domande abitative dei residenti. Non è umano buttare giù una casa dove una persona ha vissuto per 30 anni e lasciarla senza niente, o magari destinarla in un alloggio di fortuna».

Al centro dell’interesse e dell’impegno politico dell’avvocato Guarino vi è poi la questione dei collegamenti marittimi tra la terraferma e l’isola, più croce che delizia per gli ischitani. «Abbiamo raccolto il malcontento di tanti circa l’aumento vertiginoso, nel giro di pochi anni, dei biglietti di traghetti e aliscafi – sottolinea l’avvocato Guarino – L’aumento, ovviamente, incide molto sui pendolari, che si dividono tra Ischia e Napoli anche per usufruire di servizi essenziali, come ad esempio cure specialistiche offerte da determinate strutture ospedaliere. Occorrerà soffermarsi su questo aspetto e cercare di trovare una soluzione efficace che consenta agli ischitani di usufruire di un mezzo di trasporto indispensabile, come l’aliscafo, senza però dover sostenere ogni mese costi onerosi».

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex