LE OPINIONI

IL COMMENTO Benigni, sul Cantico dei Cantici non ci siamo

L’altra sera, nel seguire la celeberrima gara canora di San Remo, devo confessare di essere rimasto contrariato dalla interpretazione di Roberto Benigni sul ‘Cantico dei Cantici’. Devo dire che ho avuto sempre apprezzamento e simpatia per Benigni, capace di esprimere una forza artistica particolarissima ed originalissima a confronto di tanta banalità in circolazione; anche se talvolta forzatamente di parte, e tendente ad essere un ‘conformista dell’anticonformismo’: quell’impronta che si intende dare, con valutazioni sulle vicende della vita sociale, che nei paesi anglosassoni definirebbero di ‘ politically correct’. La mia perplessità certamente non riguarda la bellezza stra-dichiarata dall’artista dei testi del Cantico dei Cantici contenuti dalla Bibbia attribuito a Salomone; ma la sua insistenza troppo allusiva, alla presunta manipolazione del testo originario, per pretesa pruriginosa avversione della Chiesa Cattolica verso questi testi a contenuto erotico-sessuale.

Devo dire a questo punto, che solo chi è lontano dagli ambienti cattolici, può dare giudizi così presuntuosi e lontani dalla realtà. In verità il Canto dei Cantici, è tra i passi più apprezzati dei testi sacri, proprio perché capaci di descrivere con delicatezza e purezza, l’incontro sessuale tra due sposi, che attraverso il loro amore generano la vita, in grado di perpetuare il creato e di giustificare la esistenza di un uomo e di una donna: dunque erotismo e sessualità che proviene dal divino. A Benigni, allora, mi sento di dire: la prossima volta, prima di cimentarsi con esegesi così impegnative, si faccia aiutare nella ‘scrutatio’ dei testi sacri ( l’approfondimento dei singoli passi della Parola e la sua correlazione con altri passi), così eviterà di apparire anche agli occhi di chi l’apprezza, di voler essere a tutti i costi, un conformista dell’anticonformismo.

* GIA’ SEGRETARIO GENERALE DELLA CISL

Articoli Correlati

3 Commenti

  1. Il sesso col suo orgasmo e meraviglia e meraviglia resta per sempre è la sua storia. Non averne rispetto è decladante e ci si perde nel nulla.

      1. dicevo prima che nessuno vuole negare che nel Cantico dei Cantici ci siano riferimenti all’amore carnale; è da SCORRETTI voler trasformarlo in lettura erotica . Ma consiglio di leggere la chiarissima e completa spiegazione della lettera citata anche nell’altro mio commento. https://www.tempi.it/benigni-il-furbetto-che-sfrutta-lignoranza-della-gente/?fbclid=IwAR1qPdsFf_cAFZpLLRMdsHnxqIyMDYNzGHhClynSloKsqy541TopZHF7SBk
        oppure di ascoltare questo intervento nominato nella lettera: https://www.youtube.com/watch?v=qvM8p_IsDgc&feature=share&fbclid=IwAR0R-vjnBRlxS299mwXV4TlR698ekB33ISPyCgjnx63OM9k7Xt0t1WqIthU

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close