LE OPINIONI

IL COMMENTO La scuola, un’emergenza nell’emergenza

DI DANIELA SCOTTI

In questi giorni la ripresa delle scuole in presenza e la chiusura in caso di allerta giallo/arancione della Statale SS 270 ha reso sempre più complessa una situazione quasi surreale che ha lacerato la nostra comunità già così fragile e provata. Ed alla fine chi paga il prezzo più oneroso in queste tragici accadimenti sono proprio i bambini, i ragazzi e le loro famiglie. Persa ogni stabilità ci siamo ritrovati a dover lottare ancora una volta, ad asciugarci le lacrime e con il cuore ancora dolorante abbiamo dovuto ritrovare le forze per reagire. E nonostante l’impegno sia massimo e costante non sempre il risultato ci ripaga ed appaga. Ritrovarsi spaccati a metà o addirittura isolati ci rende ancor piu complicata la nostra quotidianità. Essere costretti ad attraversare tutti la variante montana della nostra isola in condizioni meteo pessime per poter andare a scuola, al lavoro e per tutto quanto necessario è inaccettabile per tanti motivi. Primo su tutti la sicurezza, proprio quella parola di cui tanto si parla e che da anni non abbandona la nostra terra.

Ieri finalmente dopo tanto discutere in sedi istituzionali e non e dopo tanti interventi perché si possa aprire un dialogo univoco, si è avvenuti ad un importante punto di inizio. L’incontro tra le Comunità Scolastiche e lo Stato . Dapprima una riunione tecnica tra i responsabili e poi un incontro tra i Rappresentanti dei genitori degli Istituti scolastici isolani , il Commissario Prefettizio Dott.ssa Calcaterra e il Commissario Straordinario On. Legnini. Una tavola rotonda a cui ho preso parte con grande piacere e nella quale innanzitutto ci si è sentiti ascoltati, compresi e supportati . Nella quale proprio perché la sicurezza è priorità assoluta si è riconosciuta la inadeguatezza della strada alternativa con la quale raggiungere gli altri Comuni in caso di chiusura della statale. E si sono analizzate soluzioni, si sono sviluppati progetti ma soprattutto abbiamo compreso di non essere completamente ” isolati “.

Punto poi a mio avviso di grande interesse è l’essersi ritrovati, tutt’insieme a difendere uno dei nostri beni più grandi : la SCUOLA. Non nascondo però che mi avrebbe fatto piacere che anche una delegazione di Rappresentanti degli studenti fosse stata invitata a partecipare perché essendo i più colpiti e penalizzati avrebbero avuto ragione e diritto di esporre le proprie richieste. Forse ci si poteva confrontare da subito, perché era chiaro ed oggettivo che in assenza di un percorso idoneo l’apertura delle scuole non avrebbe potuto reggere, e lo dico da convinta sostenitrice della scuola in presenza. Durante la riunione si è convenuti ,e speriamo che ciò avvenga con celerità assoluta, che i Consigli di Istituto delle varie scuole producano una formale richiesta di autorizzazione per un provvedimento che leggittimi ed autorizzati i Dirigenti scolastici ad applicare la Dad ogni qualvolta per emergenza venga chiusa l’arteria di collegamento tra Casamicciola e gli altri comuni. Richiesta indirizzata all’USR Campania e al Ministero e che verrà supportata dai due Commissari .

Sono emerse anche interessanti opportunità che potrebbero essere adottate dalle singole amministrazioni per migliorare ed implementare la condizione delle Scuole da sempre penalizzate su tutto il nostro territorio, come l’edilizia scolastica e la mobilità sostenibile. Auguriamoci che in tempi brevissimi vengano adottati tutti i provvedimenti necessari affinché finalmente i nostri ragazzi possano trovare serenità , stabilità e scuole accoglienti. Naturalmente questo sarà solo un primo passo ma mi conforta l’aver potuto appurare che si è cominciato a farlo tutt’insieme.

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex