CRONACAPRIMO PIANO

La rabbia di Presutti: Non prelevano i rifiuti, non pagherò più la TARI

Lo sfogo dell’albergatore e patron del Solemar che lamenta la mancata rimozione nei pressi della sua struttura da oltre dieci giorni

“L’ultima volta che sono stati rimossi i rifiuti nei pressi della mia struttura alberghiera era Pasqua. Da allora sono passati quasi dieci giorni”. La denuncia è Aldo Presutti, titolare dell’hotel Solemar. “Mi sono vergognato”, confessa. Aldo Presutti è l’imprenditore che ha fatto parlare di sé per la sua vicinanza a Salvini ed alla Lega prima di un brusco allontanamento. Ma l’albergatore non nasconde la sua ambizione da imprenditore alla guida dell’isola di Ischia.

“Ho deciso di scendere in campo come imprenditore. Ischia ha bisogno di una svolta. Non è possibile che ad accogliere i nostri ospiti ed i turisti ci siano i rifiuti”. Aldo Presutti, aggiunge, poi, provocatoriamente: “Basta. Non pagherò più la tassa rifiuti al comune di Ischia. Non posso pagare una tassa per un servizio non reso. Chi amministra la nostra isola probabilmente non si rende conto questi disservizi quanto danni possano causare. Non prelevare la spazzatura per giorni e dare un’immagine di incuria e sporcizia della nostra isola distrugge il nostro turismo. Non posso accettare che gli amministratori locali non lo comprendano”. Presutti è pronto a scendere in campo in prima persona. “Voglio fare qualcosa per la mia isola. Partendo da ciò che non va. Il mio intento è quello di unire gli imprenditori, i commercianti, gli artigiani, i lavoratori per dare una speranza reale e ricostruire insieme un futuro dignitoso”.

L’intento di Presutti è quello di “Sfruttare tutte le risorse dell’isola e le capacità di ognuno per porre in essere un’inversione di marcia”. “Siamo ad un bivio – ha detto – se non imbocchiamo la strada giusta che ci consente di elevare il nostro turismo puntando alla qualità piuttosto che alla quantità dello stesso, finiremo tutti nel baratro”. “Ovviamente per offrire qualità a chi sceglie l’isola di Ischia per le proprie vacanze ed il proprio relax bisogna partire dai servizi”. E qui le prime proposte: “E’ necessario rendere più efficiente il trasporto. Chi arriva ad Ischia ha il diritto di viaggiare in aliscafi e traghetti all’altezza del costo del biglietto. Non si può chiedere più di 20 euro per la tratta Napoli Ischia viaggiando in condizioni vergognose.

Durante il periodo pasquale mi sono scusato personalmente con i miei ospiti per le condizioni di viaggio e la mia protesta arriverà alle compagnie di navigazione”. Ma non c’è solo il trasporto marittimo, secondo Presutti, che deve essere migliorato. “Questa stagione non è cominciata al meglio. Il giovedì prima di Pasqua avevo il vialetto che porta alla mia struttura alberghiera pieno di rifiuti. Una vergogna. Gli amministratori comunali devono far funzionare bene Ischia Ambiente per la raccolta dei rifiuti”. E conclude: “Chi sceglie la nostra isola deve apprezzarne il bello, non le criticità”.  

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close