CULTURA & SOCIETA'

MOLTO FREDDO, MOLTO SECCO CON LIME Distrazioni di “politiche personali” ombreggiano le nostre Opportunità

di Lisa Divina

Arriva l’estate! Quel periodo dell’anno in cui il Sole splende, il mare chiama e… la politica che fa? Beh, quelli che la cavalcano sembrano più impegnati a costruire castelli di sabbia che a gestire gli affari pubblici. Sì, perché mentre noi comuni mortali ci preoccupiamo della fuga dei dipendenti e di creme solari, alcuni dei nostri amati rappresentanti sembrano avere un talento speciale: distogliere lo sguardo dagli interessi pubblici per concentrarsi su quelli… diciamo, più personali. E così, nel regno di Ischia – ma potrebbe essere qualsiasi altra località dove il Sole bacia i belli e i brutti – si perdono opportunità di sviluppo come se fossero chiavi di casa in una borsa senza fondo. Gli interessi personali di pochi, alla fine, riescono a prevalere sul bene comune, come quando cerchi di mangiare il gelato il quindici di agosto e il caldo afoso lo scioglie prima ancora di poterlo assaporare. Ma non temete, cari concittadini!

Perché quando arriva l’estate, possiamo tutti fingere di dimenticare le questioni importanti. È tempo di festa, di relax! In realtà, mentre ci godiamo i raggi del Sole e il mare (o ci struggiamo rincorrendo il dipendente evanescente o cerchiamo di arrivare alla fine del mese), dovremmo anche ricordarci delle sfide che la nostra comunità affronta. Noi, miei Cari, dovremmo svegliarci dalla catalessi che ci attanaglia. Per correggere il tiro, noi cittadini dobbiamo scendere in campo. E no, non parlo di beach volley. Dobbiamo partecipare attivamente al dialogo politico, proporre idee, monitorare le decisioni e, perché no, sbattere i piedi a terra quando le opportunità vengono perse. Dobbiamo impegnarci in prima persona, invece di lasciare tutto nelle mani del “papi di turno”. Continuiamo a chiedere trasparenza ai nostri politici, ma quando la realtà ci viene sbattuta in faccia, spesso ci giriamo dall’altra parte. Loro rinviano, ritrattano, tengono in mano, spendono e spandono, ma per la comunità? Un pugno di mosche. La politica locale è vitale per il nostro territorio. Perdere occasioni di sviluppo per interessi personali è un lusso che non possiamo permetterci. Eppure preferiamo pensare al bikini da indossare in preda allo sfrenato ballo delle vanità. Intanto il Sole splende anche se gli affari personali fanno ombra. Al momento l’attenzione è sui politici da portare in Europa anche se, per noi ischitani, questo ad oggi non ha fatto alcuna differenza. Ma il voto è un diritto e va espressa la propria preferenza di qual colore si voglia, magari, però, con la consapevolezza che bisogna Fare e Fare di più. Necessitiamo, sicuramente, di una politica più responsabile, dignitosa e orientata al bene comune. Ma dobbiamo essere noi ad imporlo e a pretenderlo. Se ci volessimo impegnare, potremo saltare gli ostacoli e afferrare le occasioni con la stessa grazia di un gatto che insegue una lucertola. E forse, giusto forse, nella prossima stagione dei bikini potremo spalmare la crema solare con la serenità di chi sa che la comunità rema tutta dalla stessa parte. Ma ci diverte di più commentare come un cronista i politici locali che invece giocano a nascondino con il Sole. Una cosa non dovremmo mai dimenticare. Resta nostra la responsabilità per fare in modo che l’ombra della politica non diventi la tana ideale per chi invece dovrebbe essere un faro capace di illuminare una via. Sta a noi fare in modo che il “politico di turno” non si trasformi in un campione di nascondino davanti alle nostre aspettative, lasciando sfuggire le occasioni come un gelato che si scioglie al Sole.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex