Statistiche
CRONACA

Procida onora Neiwiller: a Palazzo d’Avalos tributo al poeta e regista

Sarò conferita la simbolica cittadinanza “post mortem” all’artista scomparso nel 1993 e sepolto sull’isola. Sarannlo presenti familiari, amici e collaboratori

Giovedì 24 giugno alle 17,30 la simbolica assegnazione della cittadinanza “post mortem” all’artista, scomparso nel 1993 e sepolto a Procida. Con i familiari, presenti amici e collaboratori, da Mario Martone ad Antonio Biasucci. E ci sarà anche la proiezione di un filmato inedito.

Procida si prepara ad assegnare la simbolica cittadinanza “post mortem” ad Antonio Neiwiller, scomparso prematuramente nel novembre 1993 e sepolto sull’isola per suo espresso desiderio, poeta e regista «appartenente di diritto ad un territorio artistico europeo», come scrive Mario Martone. Giovedì 24 giugno, alle 17.30, i familiari, con un gruppo di amici e collaboratori provenienti da varie città, lo ricorderanno insieme all’amministrazione comunale negli ambienti di Palazzo d’Avalos, il complesso ex carcere di Procida.

All’evento, che ha il patrocinio morale del Comune di Procida, saranno presenti Giovanna ed Adriana Neiwiller, Mario Martone, Renata Molinari, Maurizio Zanardi, Cesare Accetta, Laura Angiulli, Antonio Biasiucci, Maurizio Bizzi, Adriano Casale, Giulio Ceraldi, Claudio Collovà, Patrizio Esposito, Vincenza Modica, Giancarlo Savino e Giosuè Scotto Di Santillo. Saranno inoltre letti messaggi di Antonello Cossia, Marco Manchisi, Francesca Mazza, Claudio Morganti, Enzo Moscato e la sua compagnia, Alfonso Santagata, Toni Servillo, Antonella Bucovaz, Moreno Miorelli e Donatella Ruttar. Nel corso dell’incontro sarà proiettato il breve filmato “Transiti, Neiwiller ad Aradeo dei teatri”, finora inedito, realizzato da Silvia Fanti e Daniele Gasparinetti nell’agosto del 1991.

«Nessun incontro “vero” è casuale», dichiara l’Assessore Antonio Carannante, che nel 2019 raccogliendo l’istanza di parenti e amici dell’autore si fece promotore presso la Giunta locale della cittadinanza “post mortem” a «un artista che della ricerca e del rapporto con i luoghi nutrì la sua opera, scegliendo Procida, ancora cosi selvaggia e autentica, come privilegiato terreno di ascolto e creazione, insieme ad una comunità ideale di attori».

«Non è casuale neanche la scelta di Palazzo d’Avalos-ex carcere di Procida per rendergli omaggio, un luogo che l’Amministrazione comunale dal 2016 sta facendo rivivere dopo l’oblio e dove si può respirare, intrecciata alle molteplici storie di dolore e rinascita che quest’edificio ancora custodisce, l’idea di utopia tanto cara all’autore», forse raggiungibile «provando ad attraversare ogni giorno la notte della dimenticanza» continua l’Assessore procidano, e sintetizzata nel testo “Per un teatro clandestino”, completato proprio sull’isola durante le prove de “L’altro sguardo”, suo ultimo lavoro: «Che senso ha se tu solo ti salvi. Bisogna poter contemplare, ma essere anche in viaggio. Bisogna essere attenti, mobili, spregiudicati e ispirati […] Luoghi visibili e luoghi immaginari popoleranno il nostro cammino».

«Infine – conclude Carannante – non è casuale che l’opera di questo artista, meritevole di essere rigorosamente studiata e ancora più diffusa, sia parte del progetto culturale di Procida capitale italiana della Cultura 2022».

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x