Statistiche
POLITICA

Serrato confronto tra Castagna e i suoi, poi torna il sereno in maggioranza

Ieri la riunione al Capricho tra sindaco, assessori e consiglieri dopo le tensioni registratesi nel corso del consiglio del 30 dicembre: non mancano i toni alti ma arriva il chiarimento

Il confronto c’è stato. Ampio, serrato, a tratti acceso e animato ed era inevitabile che fosse così. Perché le scorie lasciate dall’ultimo consiglio comunale di Casamicciola- svoltosi lo scorso 30 dicembre nella cornice dell’aula magna dell’Istituto Mattei – non potevano certamente essere cancellate senza un chiarimento ormai non più differibile.

E così ieri pomeriggio, presso la sede temporanea del municipio nei locali ex Capricho, si è svolto l’incontro tra sindaco, consiglieri ed assessori per provare a dirimere il “casus belli” scoppiato dopo che nel corso della seduta di civico consesso l’avvocato e presidente Nunzia Piro aveva votato contro la sua stessa maggioranza in alcune circostanze. Un gesto che aveva effettivamente fatto salire la tensione a mille al quarto piano del plesso scolastico e dove soltanto la calma e il sangue freddo di vecchi ed esperti volponi della politica tra cui il sindaco Giovan Battista Castagna e il vice Peppe Silvitelli.

Ma nel tardo pomeriggio di ieri, quando tutti i protagonisti si sono radunati presso la stanza del primo cittadino, nel chiuso di quattro mura e in pochi metri di spazio, la tensione si tagliava con il coltello e l’atmosfera inizialmente sembrava quella di un regolamento di conti. C’è stato chi ha alzato la voce in maniera più sostenuta degli altri, chi lo ha fatto in misura minore, chi ha provato a far valere le sue ragioni e chi ha provato a mediare cercando di fare in modo che non si “scantonasse” mai oltre il lecito. A un certo punto si è anche compreso come il “fuoco” tra i banchi del consiglio comunale si fosse acceso per una distrazione del sindaco Castagna relativamente ad un ordine del giorno chiesto da Nunzia Piro e che non aveva trovato accoglimento non certo per volontà del capogruppo Ciro Frallicciardi, come la stessa Piro riteneva. Insomma, il tempo tecnico di chiarire questo aspetto prima che la situazione ritornasse nell’alveo della normalità. Alla fine, come era logico prevedere, ha prevalso il buon senso con la maggioranza che va avanti unita e compatta e si mette alle spalle definitivamente quello che comunque ha rappresentato un imbarazzante incidente di percorso.

Anzi, va detto che a un certo punto la riunione ha avuto anche modo di assumere connotati costruttivi, circostanza imprevedibile quando si erano aperte le ostilità circa un’ora e mezza prima. Molta attenzione è stata dedicata alla necessità di riunire nuovamente l’intera maggioranza per discutere in maniera fattiva della questione più delicata e prioritaria che deve essere seguita con costanza dalla classe politica casamicciolese, e ci riferiamo naturalmente al post terremoto con tutto quello che ne consegue. Un nuovo summit, questo, che sarà propedeutico all’incontro tra i capigruppo di maggioranza prima e alla seduta di consiglio comunale già calendarizzata per il prossimo 18 gennaio. E che, dopo che è tornato il sereno, sarà affrontata con uno spirito decisamente diverso da Casragna e i suoi.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x