Statistiche
CRONACA

Sisma Ischia, pubblicata l’ordinanza del Commissario Legnini per le imprese danneggiate

Oggi il Commissario straordinario per la ricostruzione post sisma a ischia, Giovanni Legnini, ha firmato l’ordinanza per le imprese, a vario titolo, danneggiate dal terremoto del 2017. Si tratta di un testo organico e completo elaborato all’esito di un proficuo confronto con sindaci, Commissario prefettizio, imprese e associazioni. Tale provvedimento prevede gli indennizzi per le imprese che hanno perso fatturato e/o reddito, l’eliminazione della fideiussione prevista in precedenza, contributi una tantum per delocalizzare e rimborsi in favore delle attività già delocalizzate, ristori per il riacquisto di beni strumentali e scorte danneggiati dal sisma, e l’autorizzazione a stipulare un accordo con il Microcredito per il sostegno alle imprese.

“Con l’ordinanza varata oggi – ha commentato il Commissario Legnini – abbiamo inteso affrontare, in modo organico, le soluzioni possibili alle necessità delle imprese e dei professionisti colpiti dal sisma di cinque anni fa. Tenendo conto del lungo tempo trascorso dal sisma, abbiamo fatto tutto quanto si poteva con l’utilizzo dei poteri commissariali, a legislazione vigente e nei limiti che i regolamenti comunitari ci consentivano”. In particolare, ha continuato Legnini, “si semplificano e si aumentano gli importi degli indennizzi, integrando e ampliando le misure vigenti e si disciplinano, per la prima volta, i ristori per le delocalizzazioni temporanee, anche conseguenti all’avvio della ricostruzione, e per le scorte e beni strumentali danneggiati dal sisma. Le risorse ci sono e dal 20 settembre le imprese potranno presentare le domande per accedervi, ed entro dieci giorni verrà approvata e pubblicata la relativa modulistica. Con queste misure, dunque, si realizza un ulteriore importante passo verso una ricostruzione caratterizzata da maggiori certezze e regole più efficaci”.

In particolare, il provvedimento integra e innova le disposizioni di indennizzo alle imprese che hanno perso il fatturato, elevandone il relativo contributo al 90%, e raddoppiando il limite massimo concedibile, da 50 mila a 100 mila euro.  Per i danni a beni strumentali, scorte o altri beni mobili si prevede – tra l’altro – un indennizzo quasi integrale. Inoltre, l’obbligo della fideiussione, previsto dalla precedente ordinanza e considerato un ostacolo per gli operatori economici, viene sostituito dall’obbligo di presentare la manifestazione di volontà, ai sensi dell’articolo 9 dell’ordinanza 17/2022. Per le delocalizzazioni temporanee sono previsti indennizzi forfettari per chi ha già riavviato o intende riavviare l’attività utilizzando altri immobili. Le misure sono estese a quelle imprese costrette a sospendere la propria attività perché ricomprese nella zona rossa, benché non danneggiate. Riguardo alla manifestazione di volontà, come già preannunciato dal Commissario nei giorni scorsi, i termini sono prorogati al 30 settembre e proprio a tal proposito Legnini ha annunciato: “Finora sono pervenute circa 850 manifestazioni di volontà per una richiesta complessiva di contributo di 400 milioni di euro. Questa iniziativa prenotativa rappresenta per noi un successo, perché ci consente di avere una mappatura molto precisa degli immobili da ricostruire e del costo presunto. Ma torno a dire che se non arrivano i progetti la ricostruzione non può decollare. Intanto, i pochissimi progetti che sono pervenuti saranno esaminati nella conferenza dei servizi che si terrà a metà a settembre”.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex