Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Uragano covid, sull’isola 2.269 positivi

Il contagio accelera in maniera spaventosa in appena due giorni, come si evince dal nuovo report redatto dall’Associazione Ingegneri. Al Rizzoli i ricoveri passano da 4 a 12 e purtroppo si registra anche un nuovo decesso. La somministrazione della terza dose di vaccino, invece, procede purtroppo a rilento

C’era quasi da aspettarselo, i segnali andavano tutti nella stessa direzione. E nel primo pomeriggio di ieri si sono materializzati come uno di quegli acquazzoni violenti ma ampiamente annunciati dalle previsioni meteo. Metafore di più o meno dubbio gusto a parte, il nuovo report redatto dall’Associazione Ingegneri Isola d’Ischia ed aggiornato allo scorso 12 gennaio evidenzia un’impennata davvero pesante del contagio da coronavirus sul nostro territorio, anche se lo stesso – e questo va rimarcato – mantiene ancora percentuali decisamente più basse di quelle su scala regionale e finanche nazionale. I dati, e la matematica non è un’opinione, dicono in maniera chiara che ad esempio in questo momento non ci sono nemmeno i numeri per giustificare ad esempio una chiusura forzata dei plessi scolastici, ipotizzabile in realtà territoriale dove sia positivo al covid almeno il 5 per cento della popolazione residente.

Ma al netto della statistica, va detto che la stessa può consolare soltanto parzialmente perché il balzo in avanti del virus nello spazio di appena quarantott’ore assume proporzioni a dir poco devastanti. Se lo scorso 10 gennaio infatti gli attualmente positivi erano 1.422, al 12 gennaio sono diventati addirittura 2.269. Non possiamo omettere un particolare, che certo è tutt’altro che trascurabile: nell’ultimo resoconto diffuso dagli ingegneri sono compresi anche i tamponi antigenici, che in precedenza venivano ignorati nel conteggio richiedendo come conferma un tampone molecolare che confermasse la positività al coronavirus. L’impennata della pandemia non risparmia nessuno dei sei Comuni isolani, che fanno registrare tutti un considerevole balzo in avanti: ad Ischia si contano 692 contagiati, segue a ruota Forio con 611, poi Barano con 383. A Casamicciola i contagi sono 285, a Lacco Ameno 203, chiude questa triste graduatoria Serrara Fontana con 95 positivi. Ma le brutte notizie purtroppo non sono finite perché negli ultimi giorni bisogna registrare sull’isola un’altra vittima di questa maledetta pandemia (e si tratta del secondo decesso nello spazio di una settimana): si tratta di un uomo di 79 anni residente nel Comune di Ischia. Va così aggiornato anche il dato relativo ai deceduti che sale a 13 relativamente alla quarta ondata e a 42 nel totale dall’inizio dell’emergenza.

Attenzione anche a un altro dato, che non può non far scattare un campanello d’allarme. Peggiora sensibilmente la situazione dei ricoveri, che passano da 4 a ben 12 unità, di cui 2 attualmente in terapia intensiva. Bisogna anche sottolineare che di questi pazienti due sono stati ricoverati nel reparto di ortopedia e successivamente risultati positivi ma non hanno alcuna complicanza di natura sanitaria legata al covid. E passiamo a un altro fronte, quello legato alle vaccinazioni, che purtroppo continuano a non decollare soprattutto per quanto riguarda la somministrazione delle terze dosi. La percentuale di cittadini coperti da dose booster al momento supera di poco il 50%, solo nel Comune di Ischia si avvicina maggiormente al 60%. E’ anche vero che con l’alto numero di casi, molti cittadini non potranno vedersi somministrare la terza dose. All’hub vaccinale di Ischia sono intanto ritornate, come annunciato dall’ASL, le prenotazioni e sono quindi scomparsi i grossi affollamenti che abbiamo invece visto soprattutto nel periodo delle festività natalizie. Ancora molti, però, sono i disagi soprattutto nel tracciamento ormai completamente saltato anche sull’isola d’Ischia. Molti cittadini non vengono contattati dall’ASL e sono costretti a recarsi in farmacia per un tampone ovviamente a pagamento. Una situazione intollerabile a cui si aggiunge anche l’ormai perenne assenza della stragrande maggioranza dei medici di base. Per la serie, quando piove sul bagnato.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x