Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Ad Andrea D’Ambra il premio “Nicola Costa” dell’Ischia Cigar Club

La cerimonia di premiazione si è svolta presso la suggestiva cornice dell’Hotel Don Felipe a Cartaromana: il riconoscimento attribuito all’enologo e amministratore della storica cantina Casa D’Ambra

Davanti ad una atmosfera e scenografia magica con la luna che illuminava il mare di Cartaromana, si è svolta, presso l’hotel Don Felipe la terza edizione del premio “Nicola Costa”, ideato dalla Ischia Cigar Club e assegnato ogni anno ad un personaggio del mondo della cultura o dell’imprenditoria che si è distinto nell’ambito lavorativo ma allo stesso tempo non ha trascurato l’amore per il Bon Vivre e la passione per il fumo lento.

Il Premio quest’anno è stato assegnato ad Andrea D’ambra, imprenditore vitivinicolo, enologo e amministratore della storica cantina Casa D’Ambra che ha reso celebre nel mondo i vini d’Ischia, in particolare il Biancolella.

Emozionante la motivazione che lo definisce un vero ambasciatore del vino ischitano: “produttore di vini, promotore raffinato e competente dell’isola d’Ischia, attraverso la conoscenza del territorio e dei vitigni e vini dell’isola. Un vero Connoisseur a tutto tondo, uomo di mondo ma con radici ben piantate nel suo territorio, amante del sigaro e raffinato fruitore delle bellezze della vita”. Si racconta che Andrea sia nato in una tinozza di mosto, dove le sue braccia tenevano ben saldi un fucile da caccia e un fucile da pesca. Ha trascorso il suo tempo libero tra caccia, pesca e sport (buon calciatore e ottimo ciclista). Sulla tenuta Frassitelli ha ospitato amici, giornalisti ma soprattutto personaggi di levatura e spessore mondiale, lasciando tutti incantati per la meraviglia della location. Parte della sua vita lo ha visto cacciatore esperto in tanti luoghi d’Europa, ma per anni il suo buon ritiro è stata l’isola di Santo Stefano di cui è stato a lungo unico abitante e custode. s. Stefano dove x anni ne è stato unico abitante-custode. E da cacciatore, quasi un segno del destino, ha sposato una donna di nome Diana. Oggi le figlie Marina e Sara ne stanno raccogliendo l’eredità dimostrando di avere ereditato tutte le peculiarità del padre.

Ad accompagnare la serata “Romolo Bianco”, interprete della canzone napoletana, appena rientrato dalla sua ultima esperienza negli Stati Uniti.

Alla serata erano presenti sommelier e catador (ovvero Maestri Conoscitori del Sigaro) per passione come Tommaso Mascolo, Marco Ielasi, il presidente di Ischia Cigar Club, Stefano di Palma, il dott. Antonio Fimiani, il consigliere di amministrazione di Gambero Rosso, Ottorino Mattera, Giacomo Iorio, Marcella Cenatiempo, Stefano Barone, Valentino Federico, Sara e Marina D’Ambra.

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex