CRONACA

“Bacioni” ischia

Con una pec indirizzata alla società, Alessandro Bigi ha rassegnato le sue dimissioni dalla carica di presidente dell’Ischia Calcio: il ristoratore fiorentino, indagato per associazione per delinquere e nel mirino della DDA anche per l’acquisto del 50% delle quote del sodalizio gialloblu, ha comunicato di non poter più garantire la gestione ottimale del club

La notizia ufficiale è arrivata nella mattinata di ieri, ma tutto sommato era nell’aria. Con una situazione assolutamente da definire – va infatti sottolineato che fino a prova contraria ed eventuale sentenza definitiva tutti sono da ritenersi innocenti – e che certamente non porterà a fare chiarezza in tempi relativamente brevi, il massimo dirigente dell’Ischia Calcio ha deciso di gettare la spugna. Una scarna nota è apparsa sui canali social del sodalizio gialloblu e recita testualmente quanto segue: “Con un messaggio inviato questa mattina tramite PEC, Alessandro Bigi ha rassegnato le dimissioni dalla carica di Presidente. Nella sua comunicazione, l’ex presidente esprime il suo profondo dispiacere per la decisione assunta, ma sottolinea come, a causa degli eventi degli ultimi giorni, non sia più in grado di garantire la gestione ottimale del Club. L’Ischia Calcio prende atto con rammarico della decisione del Presidente Bigi e lo ringrazia per il prezioso contributo fornito. La società augura a Bigi i migliori auguri per il futuro”. Una decisione dolorosa ma come sottolineata dallo stesso Bigi assolutamente inevitabile alla luce dell’inchiesta giudiziaria che lo ha travolto in quel di Firenze e che lo vede tra l’altro indagato per il reato di associazione per delinquere: impossibile, con questi presupposti, continuare a fornire il proprio contributo operativo e non solo ad una azienda come quella pallonara che ha alle porte una serie di scadenze e incombenze. E’ chiaro che adesso la questione si sposta anche sull’aspetto sportivo con evidentemente nuove risorse da reperire per affrontare il prossimo campionato di serie D, ma di questo evidentemente si discuterà nelle pagine sportive.

L’inchiesta giudiziaria che ha innescato gli eventi ha visto l’iscrizione di nove persone nel registro degli indagati tra cui anche Pino Taglialatela, attualmente amministratore delegato dell’Ischia Calcio, ma anche e soprattutto – oltre a Bigi – l’albanese Eluert Kamami 40 anni; l’operazione portò a una serie di verifiche e perquisizioni in otto ristoranti nel centro storico di Firenze e un’inchiesta della Dda, in collaborazione con la Spak anticorruzione albanese, per associazione per delinquere (non per Taglialatela), riciclaggio, autoriciclaggio e appropriazione indebita destinata a fare parecchio rumore. L’indagine della guardia di finanza, coordinata dal procuratore Filippo Spiezia, dal procuratore aggiunto Luca Tescaroli e dal pm Christine Von Borries mira a portare alla luce il dietro le quinte inquietante di un numero cospicuo di ristoranti in mano ad una compagine albanese che li utilizzava come cassaforte per fare il nero da reinvestire nell’acquisto di altri locali. Bastava non battere gli scontrini e il cash lievitava. E’ ’bastato’ poi incrociare i dati fiscali sulla solidità economica di Kamami e Bigi (10 anni fa 20mila euro lordi all’anno dichiarati), attaccare i telefoni e piazzare cimici in auto e al ristorante e le fiamme gialle hanno depositato l’informativa finale che ha dato il via all’operazione.

Altri 250mila euro in contanti, più altri preziosi di valore, sono stati sequestrati dalla guardia di finanza nel corso delle perquisizioni a carico proprio di Alessandro Bigi. Ma sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti è finita come è noto anche l’operazione che ha portato proprio Bigi a investire nella società calcistica dell’Ischia, di cui era divenuto presidente lo scorso febbraio. Secondo la ricostruzione della Dda, Taglialatela avrebbe ceduto il 50% della società al prezzo formale di 9.157 euro quando in realtà avrebbe incassato 100mila euro in contanti. L’ex portiere è accusato a sua volta di aver emesso fatture false per una sponsorizzazione.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex