CULTURA & SOCIETA'

Botti di capodanno “responsabili”, a Forio la campagna parte dalla scuola

L’incontro di sensibilizzazione nelle scuole voluto dall’amministrazione comunale con artificieri del corpo della Polizia di Stato

Una mattinata davvero interessante quella organizzata dal Comune di Forio insieme agli agenti artificieri del corpo della Polizia di Stato presso gli istituti Mennella e Forio 1 e 2. Gli alunni sono stati coinvolti, infatti, in un’ attività di prevenzione degli incidenti legati ai botti di Capodanno. Presenti il Sindaco Francesco Del Deo, il Comandante Giovan Giuseppe Iacono polizia municipale, il Consigliere Domenico Loffredo, l’assessore Luigi Lamonica e il prof Michele Magnanimo. Ai ragazzi sono stati illustrati quelli che sono i rischi che si possono correre con un uso non corretto dei “Botti di Capodanno”.

L’iniziativa, fortemente voluta dal sindaco di Forio, Francesco Del Deo e dal consigliere Domenico Loffredo, è volta alla salvaguardia della salute specialmente dei giovanissimi che, ogni anno, corrono seri rischi, anche inconsapevolmente, proprio a causa dei “botti di Capodanno”. I ragazzi sono stati informati sui pericoli derivanti dai fuochi d’artificio, in particolare di quelli inesplosi che frequentemente si rinvengono il mattino dopo le festività. E’ stato loro ricordato che è pericolosissimo toccarli e che, quando li trovano, devono avvertire un adulto ed i carabinieri. Spiegando le differenze sostanziali delle varie tipologie dei botti, è stato specificato che quelli legali devono riportare il marchio CE, il nome del costruttore, dell’importatore, la data di scadenza e il divieto di acquisto per i minori di età 14. Tra le raccomandazioni anche quella di utilizzarli con una certa distanza dagli occhi e dal corpo e di non comprare assolutamente quelli illegali perché costruiti con materiali scadenti e senza rispetto delle norme: gli effetti possono essere devastanti e possono causare anche la morte. E’ anche grazie a questa azione informativa se negli ultimi anni è stata registrata una drastica riduzione gli incidenti. Nonostante sia rassicurante il bilancio degli ultimi anni, dove non sono stati registrati gravi lesioni da botti di Capodanno, appare fondamentale effettuare attività di sensibilizzazione soprattutto tra i giovanissimi, dicendo loro cosa è opportuno e cosa no, quando si ha che fare con i fuochi d’artificio. Anche se i casi di lesioni importanti sono diminuiti negli ultimi anni, tuttavia, il rischio resta elevato e l’allerta deve sempre essere alta. Nella gestione di questi ‘ordigni’ non bisogna essere superficiali o convinti che certi infortuni possono capitare solo agli altri. Il pericolo legato all’uso dei vari tipi di botti è sempre presente e il rischio di danni anche gravi, se non si usano tutte le precauzioni e accortezze, è una minaccia seria.

E quindi: mai lasciare sui balconi tende, teli di plastica, scope, contenitori di carta o plastica, tappeti, panni stesi, o qualsiasi materiale combustibile; togliere dai balconi e terrazzi tutti i materiali combustibili che potrebbe venire incendiati dal petardo di un vicino. Non indirizzare mai i fuochi verso balconi, finestre, bidoni dell’immondizia, auto, addobbi natalizi. Non collocarli mai nelle vicinanze di luoghi abitati o dove siano depositi di paglia, di grano, fienili, boschi. In caso di vento evitare di sparare quelli a razzo e comunque non lanciarli mai controvento. Non accendere mai i fuochi dentro gli appartamenti, mai sui balconi e mai in prossimità di altre abitazioni o automobili. Non accendere gli articoli pirotecnici vicino le case, persone e posti a rischio di incendio. Non usare in caso di vento! I fuochi d’artificio devono stare ad una certa lontananza dagli spettatori (se posizionati a terra a non meno di 15 metri, se con sistema a razzo a non meno di 30 m dalla zona di sparo), onde evitare possibili incidenti. Conservarli, inoltre, lontano da fonti di calore, fiamme libere, dall’umidità, lontano da sostanze infiammabili o da materiali combustibili, in luoghi sicuri e asciutti conservare in armadi metallici possibilmente messi a terra elettricamente, in piccole quantità, mai dentro armadi di legno, mai dentro contenitori di plastica sia perché combustibili sia per il rischio di cariche elettrostatiche. Evitare inoltre di ammassare tutti i fuochi in uno spazio ristretto, utilizzate sempre spazi ben areati e separati da dove sosta persone. Non tenere mai articoli pirotecnici in tasca, in borse, usare invece scatole di cartone o sacchetti. La distruzione dei fuochi a base di polvere nera, come i fuochi d’artificio, può avvenire per annegamento in acqua, così da sciogliere i sali costituenti la miscela pirotecnica, per un tempo sufficiente e comunque almeno un’ora per i fuochi di libera vendita, l’operazione è efficiente se li involucri sono di carta o cartone, non è garantita se sono di plastica.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close