CRONACA

Cas, 900mila euro per ottobre e novembre

Dopo l’accredito da parte del Commissario, saranno liquidate le somme dell’ultimo bimestre a favore dei cittadini aventi diritto al contributo di autonoma sistemazione

Arriva il contributo di autonoma sistemazione per i mesi di ottobre e novembre. Una buona notizia pre-natalizia per i cittadini colpiti dal sisma di due anni fa che hanno diritto a percepire la somma destinata a garantire il pagamento dei fitti per l’ultimo bimestre. Lo ha stabilito con apposita determina il responsabile dell’area tributaria del Comune di Casamicciola, stabilendo di procedere alla concessione del contributo agli aventi diritto per una cifra che complessivamente sfiora i 900mila euro: per la precisione 890.227,54 euro.

La somma è stata impegnata e presto si procederà alla liquidazione. Gli uffici stanno provvedendo all’emissione del mandato di pagamento, dopo l’accredito dell’importo da parte del Commissario. Si mantiene dunque regolare la cadenza di erogazione del contributo, senza i ritardi che fino all’anno scorso caratterizzavano i versamenti. In parte tale regolarità è dovuta anche al progressivo potenziamento degli uffici che si occupano dei Cas. La determina del Capricho si basa come sempre sul  decreto numero 17 emanato dal commissario delegato alla Ricostruzione Carlo Schilardi, ed avente ad oggetto “Criteri, procedure e modalità per la verifica, l’istruttoria e la rendicontazione delle spese per la prosecuzione delle attività relative all’assistenza alla popolazione, a seguito della cessazione dello stato di emergenza, di cui all’articolo 18, comma 1, lettera i-bis del decreto legge 28 settembre 2018, n. 109 convertito con modificazioni dalla legge 16 novembre 2018, n. 130”.

In particolare l’articolo 2 recita: “I Comuni di Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno procedono all’attività istruttoria per la valutazione e la verifica in merito al raggiungimento della prova connessa alla sussistenza dei presupposti per l’erogazione del contributo di autonoma sistemazione, nonché quella relativa alla verifica dei servizi forniti dalle strutture ricettive alle popolazioni sfollate a seguito del sisma del 21 agosto, nel rispetto delle prescrizioni contenute negli atti richiamati del Capo del Dipartimento di Protezione Civile e fatti propri da questo Commissariato. I Comuni dovranno trasmettere tempestivamente al Commissario Straordinario per la Ricostruzione i nominativi dei Responsabili del procedimento delle attività”. È noto che il prossimo 31 dicembre si concluderà l’accoglienza alberghiera agli sfollati, e dunque il Cas rimarrà lo strumento principale di assistenza, mentre saranno accelerate le procedure per consentire a diversi cittadini, tramite gli interventi di riparazione dei danni lievi e quelli di ricostruzione pesante, di far ritorno nelle proprie abitazioni, alleggerendo il carico sull’erogazione dei contributi da parte dell’erario.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close