CRONACA

Casamicciola, via libera di Schilardi per il Cas di febbraio

Il Commissario ha firmato il decreto per la liquidazione di oltre 440mila euro al Comune, che li distribuirà gli aventi diritto al contributo di autonoma sistemazione

Il Commissario alla ricostruzione Carlo Schilardi ha firmato il decreto. Con tale provvedimento è stato liquidato ed emesso ordine di pagamento a favore del Comune di Casamicciola Terme per l’importo di € 442.800,00 con versamento sul relativo conto di tesoreria unica presso la Tesoreria dello Stato di Napoli. Si tratta dell’anticipazione di somme a destinazione vincolata per erogazione del CAS per il mese di febbraio. Come alcuni ricorderanno, il 12 marzo l’ente del Capricho aveva pubblicato la determina del responsabile di settore con cui veniva impegnata la somma citata, per poi provvedere all’emissione del mandato di pagamento del Contributo, successivamente all’accredito dell’importo da parte del Commissario Schilardi. Il decreto di quest’ultimo è stato sottoscritto il 30 marzo, quindi entro oggi o domani il Contributo dovrebbero arrivare sul conto del Comune di Casamicciola, che provvederà a versarli agli aventi diritto.

Com’è noto, il provvedimento si richiama al decreto numero 17 emanato dal commissario delegato alla Ricostruzione Carlo Schilardi, ed avente ad oggetto “Criteri, procedure e modalità per la verifica, l’istruttoria e la rendicontazione delle spese per la prosecuzione delle attività relative all’assistenza alla popolazione, a seguito della cessazione dello stato di emergenza, di cui all’articolo 18, comma 1, lettera i-bis del decreto legge 28 settembre 2018, n. 109 convertito con modificazioni dalla legge 16 novembre 2018, n. 130”. In particolare l’articolo 2 recita: “I Comuni di Casamicciola Terme, Forio e Lacco Ameno procedono all’attività istruttoria per la valutazione e la verifica in merito al raggiungimento della prova connessa alla sussistenza dei presupposti per l’erogazione del contributo di autonoma sistemazione, nonché quella relativa alla verifica dei servizi forniti dalle strutture ricettive alle popolazioni sfollate a seguito del sisma del 21 agosto, nel rispetto delle prescrizioni contenute negli atti richiamati del Capo del Dipartimento di Protezione Civile e fatti propri da questo Commissariato. I Comuni dovranno trasmettere tempestivamente al Commissario Straordinario per la Ricostruzione i nominativi dei Responsabili del procedimento delle attività”.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Non capisco perché enfatizzare un atto dovuto da parte di Schilardi, quasi come facesse una concessione di cortesia. Quesi costa agl’italiani 50 mila euro di indennità annui, più vari bonus, per il raggiungimento di vari obiettivi ai quali è preposto, per altri 50 mila euro. Ditemi voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close