CRONACAPRIMO PIANO

Concorsone foriano, battaglia infinita

Il Tar ha aggiornato al 14 gennaio la discussione del ricorso inoltrato da Filomena Mattera contro la graduatoria scaturita dalla selezione, per trattarlo unitamente al ricorso incidentale del Comune

Continua a rappresentare una patata bollente il recente concorso indetto dal Comune di Forio per l’assunzione a tempo pieno e indeterminato di undici istruttori amministrativi di categoria C. Anzi, un vero e proprio ordigno da maneggiare con cura, pronto a deflagrare. Un concorso che fu organizzato al posto di quello già in corso nell’estate 2018 e poi annullato dopo le molteplici proteste dell’opposizione consiliare.

Ma anche l’estate 2019 era trascorsa tra le polemiche, visti i tanti nomi, o meglio, cognomi eccellenti e legami familiari “importanti” vantati da diversi candidati, e le varie incertezze circa la possibilità di utilizzare a scorrimento la graduatoria scaturita dalla selezione, in particolare gli idonei non rientranti tra i primi undici. Tra questi idonei immediatamente a ridosso della “zona champions”, c’era anche la signora Filomena Mattera, moglie del sindaco di Serrara Fontana Rosario Caruso, che aveva inoltrato ricorso al Tar contro il risultato della selezione, chiedendo la sospensione delle assunzioni di due vincitori. Il Comune di Forio ha resistito alla pretesa costituendosi in giudizio proponendo a propria volta ricorso incidentale tramite gli avvocati Nocerino e Torino: il Tribunale Amministrativo regionale della Campania ieri ha fissato al 14 gennaio la data per discutere e trattare in maniera unitaria i due ricorsi.

Come si ricorderà, i colloqui orali che misero fine alla procedura concorsuale si svolsero alla fine di settembre, e i primi undici candidati in graduatoria furono: Elisabetta Colella, Raffaele Cacciapuoti, Marilena Cigliano, Sabina Conte, Francesca Bianco, Simona Rubino, Giuseppe Caruso, Marisa Morgera, Mauro Pizzuti Miragliuolo, Antonietta Conti, Elia Agnese. Proprio in occasione delle prove orali fece un certo scalpore il fatto che tre candidati disertarono i colloqui: si trattava di Sonia Iacono (figlia di Giovan Giuseppe, attuale comandante della polizia municipale di Forio), Ida Matarese (figlia del già vicesindaco ed attuale consigliere di maggioranza Gianni Matarese) e Maria Funiciello (componente dello staff del sindaco Francesco Del Deo). Insomma, si è trattato di un concorso che sotto molteplici aspetti ha fatto e farà ancora discutere.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex