ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Consiglio comunale, approvata la transazione che chiude il capitolo della Lacco Servizi

LACCO AMENO. Si è trattato di un antipasto, o magari di un aperitivo. Il velocissimo consiglio comunale di ieri mattina a Lacco Ameno è stato infatti un preludio a quello che si terrà entro fine mese, quando il civico consesso di Piazza Santa Restituta sarà tra l’altro chiamato a deliberare sul bilancio dopo l’approvazione della giunta. Intanto il Comune ha chiuso la partita riguardante il fallimento della Lacco Ameno Servizi, la partecipata che gestiva la nettezza urbana nel paese. Con la minoranza consiliare completamente assente, l’assessore Domenico Miragliuolo ha brevemente illustrato la proposta di liquidazione della massa debitoria della società: la transazione è stata seguita dall’avvocato Luca Parrella. L’assessore ha ripercorso l’annosa trattativa con la curatela fallimentare (rappresentata dall’avvocato Giuseppe Sparano e Adele Taralbo), che inizialmente aveva chiesto una liquidazione di 140mila euro. La richiesta fu ritenuta eccessiva dal Comune, che si oppose e offrì 40mila euro. Le parti infine si sono poi accordate sulla cifra di 55mila euro. Una proposta che naturalmente è stata approvata all’unanimità. Il sindaco Pascale ha commentato con soddisfazione la conclusione della questione apertasi col fallimento della società: «Abbiamo trovato interlocutori di buon senso nei gestori della curatela, e riteniamo che l’accordo trovato sia vantaggioso per entrambe le parti in causa». Il Comune, anche per una questione relativa al momento storico in cui maturò la massa debitoria, avrebbe preferito che essa rientrasse nel dissesto, ma la cifra concordata per chiudere la questione appare comunque conveniente. Come abbiamo accennato in apertura, prima che il consiglio iniziasse la sua brevissima seduta, il primo cittadino ha preannunciato la convocazione della prossima assemblea cittadina che, oltre al bilancio, esaminerà anche una delibera d’indirizzo relativo all’avviso pubblico per il piano parcheggi nell’ambito del progetto di riduzione del traffico, che il sindaco persegue da sempre. «Ischia ha un unico enorme problema: il traffico», ha dichiarato Pascale. Si cercherà dunque di stipulare convenzioni con i titolari di aree private situate appena al di fuori della “cintura” urbana, che andranno ad aggiungersi ai parcheggi del Capitello e di San Montano, e che saranno adibite a parcheggio.. La fase successiva sarebbe quella di mettere “in rete” tali aree di parcheggio, collegandole tra loro con una navetta. L’auspicio di Pascale è sempre quello di procedere in collaborazione col comune di Casamicciola, e una variante del piano parcheggi infatti comprende entrambi i comuni, tuttavia il primo cittadino ha spiegato che in attesa di una convinta adesione delle altre amministrazioni, Lacco Ameno procederà comunque. Quasi a rispondere ciò che un giorno prima era stato paventato durante l’assemblea dell’Acuii, il sindaco ha anche ricordato che entro dicembre i Comuni dovranno approvare il Piano urbanistico comunale. In tale ottica, Pascale vuole procedere di concerto col vicino Comune di Casamicciola, dapprima stipulando una convenzione col Dipartimento di Architettura dell’Università di Napoli, per commissionare al professor Russo uno studio del territorio (a cui potrebbe collaborare anche il professor Di Natale) per la sua concreta messa in sicurezza. «Dobbiamo arrivare alla nomina del commissario alla Ricostruzione con un serio progetto – ha dichiarato Pascale – e non con semplici desiderata». Di qui anche l’eventuale previsione di soluzioni nel caso che dagli studi si evidenzi la necessità di delocalizzare alcuni nuclei abitativi, prendendo in esame la riconversione del patrimonio immobiliare attualmente dismesso, visti i tanti vincoli edilizi che insistono sull’isola. Tale progetto andrebbe di pari passo con la redazione del Puc, da approvare entro l’anno e rendere esecutivo entro il dicembre 2019. Il prossimo consiglio sarà anche l’occasione per ringraziare Alberto Di Lauro e Pietro Di Meglio, che con un’iniziativa “discografica” (la vendita di cd con incise le canzoni di vari autori) hanno raccolto e donato al Comune una cifra espressamente destinata all’installazione di giostrine per i bimbi dell’asilo di via Pannella, requisito dal Comune lo scorso autunno.

Francesco Ferrandino

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close