CULTURA & SOCIETA'

Crederci è quel che conta davvero

Grande successo ha riscosso la serata dedicata alla Sagra delle Alici tenutasi il 13 luglio scorso presso il borgo della Marina Corricella

Di Michela Taliercio

«Si ritorna alle origini!Finalmente l’attesa è finita!». Queste sono state le parole pronunciate dai  ragazzi entusiasti di dover celebrare come di consueto la Sagra delle Alici tenutasi il 13 luglio scorso, presso il borgo dei pescatori della Marina(della) Corricella. Non vi ho mai partecipato  ma quest’anno un gran senso di curiosità mi ha spinto a farlo. Sono stata accolta fin da subito dai componenti dell’Associazione Marina della Corricella, dove di sicuro non sono mancati i sorrisi, che si sono stampati su i volti di ognuno di noi  e per quanti sorrisi avessi fatto le mieguance sembravano palloncini sul punto di esplodere.

Certamente duro e faticoso è stato il lavoro ma dobbiamo dire che ne è valsa la pena. Gli uomini si sono occupati dei lavori più pesanti e complessi,come pescare le alici oppure trasportare materiali pesanti come l’olio per friggerle; noi donne invece ci siamo occupate della lavorazione dei pomodori prima pulendoli accuratamente e inseguito tagliarli per poi realizzare le bruschette. Sentire il sole che mi sfiorava la pelle assieme al dondolio del vento, sentire il pomodoro sulle mie mani abbinato al suo profumo e guardare le mie mani screpolate e a tratti tagliuzzate mi hanno riportato indietro ad una ipotetica infanzia dove, di sicuro, tutti gli strumenti telematici che oggi conosciamo alla perfezione ancora non erano diffusi. Guardare negli occhi le persone che si trovavano attorno a me, sentire le conversazione anche più infantili mi hanno fatto riflettere, facendomi pensare che pochi sono i ragazzi che non fissano per ore lo schermo del loro telefonino ignari di quella che è la vita reale. Ma, segno di speranza, sono stati alcuni adolescenti del borgo che  hanno collaborato attivamente con una voglia di fare che spiccava dai loro occhi e che devo dire superava le mie aspettative. Il tutto è iniziato con un’atmosfera a dir poco suggestiva, dove quasi tutte quelle lampadine sospese in aria sembravano i filamenti delle stelle.Lavorare dietro al bancone svolgendo mansioni se pur nel complesso semplici mi rendeva orgogliosa, vedere la Corricella strapiena di persone non poteva che rendermi felice, molto di queste oramai vengono appositamente a Procida solamente per questa Sagra; infine, non saprei mai come ringraziare questa fantastica associazione costituita da persone veramente di cuore che mi hanno riempito di premure, una vera e propria famiglia in più senza le quali niente sarebbe stato possibile e che hanno reso unico e speciale una singola giornata che volevo non finisse mai. Questa si è conclusa (a suon di cin cin)brindando tra di noi e mangiando, come da tradizione, una fetta di babbà davvero squisito. Già mi manca tutto questo. Non vedo l’ora di ritornare di nuovo alle origini e per chi ancora non l’avesse fatto non sa cosa si perde.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close