CRONACA

Del Deo (ANCIM) scrive a Draghi: No a super green pass su traghetti e aliscafi

C.S. – Il Sindaco di Forio, Francesco Del Deo, in qualità di Presidente ANCIM, ha inviato una nota al Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, al Ministro della Sanità, Roberto Speranza e al Commissario Straordinario per l’emergenza Covid19Gen. c.a. Francesco Paolo Figliuolo in merito alla necessità di rivedere le disposizioni in merito all’obbligo di Super Green Pass per accedere ai trasporti marittimi, che entrerà in vigore dal prossimo 10 gennaio 2022.

“I mezzi di trasporto marittimi e aerei – ha dichiarato il Presidente Del Deo –per le isole minori rappresentano l’unico collegamento possibile con il resto della nazione e, quindi, precludere l’accesso a tali mezzi di trasporto (a partire dal prossimo 10 gennaio 2022) a chi non è in possesso del “Super Green Pass” significa condannare ad un “esilio” forzato i residenti sulle Isole Minori che, per vari motivi, non si sono sottoposti a vaccinazione anti covid.

Per fare solo un esempio il cittadino della terraferma si può spostare con la propria auto da una Regione all’altra mentre i cittadini delle Isole non dispongono di mezzi alternativi (senza considerare le condizioni meteomarine).

E’ opinione condivisa da tutti noi Sindaci dei 35 Comuni presenti su 87 Isole e con 240mila abitanti, che questa disposizione contenuta nell’ultimo Decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale rappresenta una netta disparità di trattamento per noi cittadini delle isole minori, in quanto limitare l’accesso ai trasporti marittimi comporta, di conseguenza, una enorme limitazione all’accesso ai servizi essenziali.

Ci riferiamo, ad esempio, all’accesso a strutture sanitarie, a istituzioni scolastiche o luoghi di lavoro presenti sulla terraferma.

Ads

Abbiamo chiesto, quindi, che siano apportate delle modifiche al dispositivo di limitazione dell’accesso ai trasporti marittimi ed aerei per i residenti sulle isole minori, riportandolo allo status attuale e, quindi, autorizzando l’accesso a tali mezzi di trasporto anche a chi, non vaccinato, è in possesso di tampone negativo al covid19 e deve viaggiare per motivazioni legate alla Salute, alla Scuola e al proprio lavoro.”

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

2 Commenti
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Beta

Il problema va indubbiamente risolto: la vaccinazione va resa obbligatoria per i residenti in territori dove la mobilità è particolarmente difficoltosa e soprattutto nei luoghi molto turistici.
Questa proposta di deroga del greenpass è vergognosa, mette a rischio i cittadini che non possono vaccinarsi per problemi di salute, i bambini piccoli e quanti, nonostante siano vaccinati, risultano vulnerabili ed a rischio di ammalarsi, per colpa di chi rifiuta il vaccino per motivi ideologici o codardia…

Beta

…Una deroga del greenpass ai non vaccinati sui mezzi di trasporto via mare, sarebbe anche una discriminazione per i vaccinati, soprattutto per i più vulnerabili, i malati e chi non si può vaccinare per problemi di salute.
Queste persone infatti, sarebbero costrette a viaggi a rischio, su mezzi carichi di persone non vaccinate, oltre a viaggiare insieme a chi già adesso, nonostante le normative in vigore, non indossa la mascherina credendosi inspiegabilmente superimmune…

Back to top button
2
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex