LIFE STYLE

Dior Lady Art: connubio tra arte e moda

di Claudia Grascia

Nella rivista prestigiosa web e cartacea Life&People Magazine, che si occupa di moda e tendenza, si parla della donna e del suo desiderio di indossare almeno una volta nella vita una borsa divenuta leggendaria negli anni, un accessorio irresistibile senza tempo. Si racconta la storia della Lady Dior Bag, un must epico della celeberrima maison, al pari della sua amatissima musa ispiratrice Lady Diana.

L’iconica borsa Dior trae le sue origini nel 1994 e, sin da subito, diviene emblema di un’eleganza femminile rinnovata, in quanto esplode con la sua originale identità all’interno di un panorama di pelletteria omologato e poco stiloso. Ma a renderla protagonista indiscussa nell’universo delle borse è indubbiamente il legame all’emblematica femminilità di Lady Diana che, ricevutala in omaggio dalla first lady francese Bernadette Chirac, se ne innamora follemente, diventandone inseparabile e regalandole la notorietà che la rappresenta.

La Lady Dior Bag ha sicuramente innate delle caratteristiche che interpretano in profondità il mood chic della maison Dior.

Innanzitutto la sua inedita linea regolare, geometrica, pulita fatta di un corpo a scrigno in cui la particolare texture Cannage crea l’effetto di un gioiello dalle mille sfaccettature audacemente in rilievo. Gli charm tintinnanti che richiamano le lettere dello stilista D i o r danno un tocco frivolo ma prezioso e infine il manico ad archetto ch evoca la sinuosa eleganza femminile.

Ads

Ma la Lady Dior Bag è anche protagonista, per la quarta edizione, della Dior Lady Art: un ardito progetto in cui una molteplicità di artisti provenienti da tutto il mondo reinventano l’iconica borsa attraverso le loro personali ispirazioni, mescolando sapientemente design, tecniche e modi di lavorazione dei tessuti dando vita ad una capsule personalizzata e dall’impronta multietnica. Ne scaturiscono creazioni assimilabili a vere e proprie opere d’arte, ciascuna unica nel suo genere e preziosa nella vision.

Ads

Gli artisti protagonisti dell’ultima edizione della Dior Lady Art sono: Joana Vasconcelos (Portogallo)Rina Banerjee (Usa), Wang Guangle (Cina), Marguerite Humeau (Francia), Jia Lee (Singapore), Maria Nepomuceno (Brasile), Mickalene Thomas (Messico), Raqib Shaw (Londra) e Athi-Patra Ruga (Sudafrica).

Ne scaturisce un parterre di opere d’arte avanguardiste in cui l’impronta di ciascun artista è ineguagliabile.

Per citarne alcuni, Ruga che firma la Lady Dior Bag con il suo autoritratto fatto di cristalli, perle e applicazioni multicolor, quasi a richiamare la soave eccentricità di tonalità e luci africane.

Piu’ eccentrica ma anche sognatrice l’opera della portoghese Vasconcelos, in cui materiali ultramoderni quali la resina si sposano deliziosamente al tema romantico dei cuori in vernice.

Un tema mistico del terzo occhio incastonato in uno sfondo dai colori bohemièn, sono i tratti distintivi dell’artista indiano Rina che, con piume, conchiglie, perle e pietre dà vita al suo gioiello unico.

Sovrapposizioni di tessuti e colori a contrasto, argento e trasparenze sono i caratteri avantgarde distintivi dell’artista cinese Gangle.

Dior Lady Art crea in tal modo una galleria d’arte in cui la moda sposa le correnti artistiche piu’ moderne ed eclettiche, dando vita a creazioni di eterna bellezza in cui creatività, rinascita ed evoluzione sono le parole chiave.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button