Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Eav, De Gregorio: «Ad Ischia record a Pasqua, 6500 passeggeri»

 

ISCHIA. Sono grandi numeri quelli che l’Eav raccoglie nell’ultimo fine settimana. Pasqua e Pasquetta da record per Ischia anche sul fronte trasporti. E’ lo stesso presidente dell’Azienda regionale a tracciare il bilancio di questa due giorni festiva. « Record ad Ischia – dichiara Umberto De Gregorio – oltre 6500 persone nel solo giorno di Pasqua. Gli incassi dei giorni di Pasqua e Pasquetta, cumulativamente e per tutte le reti Eav, fanno prevedere un incasso di oltre il 30 per cento rispetto all’anno passato. Treni e bus letteralmente presi d’assalto. Abbiamo cercato di rispondere alla domanda di trasporto dei tanti turisti presenti nei nostri territori. Abbiamo un lungo percorso da fare ma il trend, confermato dai numeri, è positivo», ha concluso il numero uno di Eav.

Ma non sono mancate le polemiche che lo stesso Presidente spegne così. «Percepisco una grandissima partecipazione innanzitutto tra i dipendenti. Sono davvero pochi quelli che cercano di metterci i bastoni tra le ruote. Con me – puntualizza – ci sono anche i dirigenti, il Pd e il governatore Vincenzo De Luca. Quanto all’opinione pubblica, ho ricevuto tantissimi messaggi che mi hanno esortato ad andare avanti e ho letto editoriali sui giornali che mi hanno fatto piacere. Ho un profondo rispetto per i sindacati e per il loro. Siamo un’azienda pubblica, trasparente. Qualcuno dice che i panni sporchi si lavano in famiglia. Io non sono d’accordo: i panni, sporchi o puliti, si lavano in pubblico».

Ad Ischia, già dal primo aprile, è andato in vigore l’esercizio primaverile con l’aumento di corse e l’aggiunta di linee stagionali. Tale cambio di orario ha permesso di fronteggiare la massiccia affluenza dei turisti senza problemi. Più bus lungo la tratta Ischia-Forio-Sant’Angelo, le circolari CD e CS e la linea per i Maronti. Prolungato il servizio sino a notte inoltrata con le ultime partenze dal capolinea di Porto d’Ischia all’1.50.

Intanto, non mancano i nodi da sciogliere in casa Eav. Sono di nuovo finiti sott’accusa i bus polacchi. Proprio nei giorni scorsi, infatti, gli stessi conducenti, hanno sottoscritto una petizione (inviata anche a De Gregorio) affinché s’intervenga sull’impianto frenante di questa tipologia di mezzi che risulterebbe assai problematica per la frenatura assai brusca. E un altro fronte si apre sulla sicurezza. Sotto accusa la recente decisione della dirigenza ischitana di eliminare la vigilanza dal Piazzale Triste. L’assenza della guardia privata ha aumentato i rischi nell’area adibita a capolinea con presenza della sosta selvaggia delle auto. Sul caso i sindacati sono pronti a dare battaglia.

Ads

Luigi Balestriere

Ads

 

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex