Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Ferrandino e D’Abundo, nuovo round dinanzi al Riesame

ISCHIA – Quella di oggi è una giornata importante per Vanni Ferrandino e Antonello D’Abundo, detenuti in regime di arresti domiciliari da lunedì 10 aprile per la nota vicenda legata ai controlli agli alberghi della Casthotels, la catena che fa capo all’imprenditore foriano Ciro Castiglione. Il crocevia è di quelli davvero fondamentali perché si discuteranno le posizioni dei due indagati dinanzi ai giudici della X Sezione del Tribunale del Riesame e da oggi si giocherà a carte scoperte, come si dice in gergo. Gli avvocati dei due indagati – Bruno Molinaro, Stefano Pettorino e Luigi Tuccillo – sono infatti in possesso di tutti gli atti che hanno poi indotto il gip Mariella Montefusco a firmare l’ordinanza a carico del sottufficiale della guardia costiera e dell’ex assicuratore. Una mole di documenti che per ovvi motivi è stata spulciata in fretta e furia, considerati i tempi ristretti che hanno separato l’interrogatorio di garanzia davanti al gip alla contestuale e celere convocazione dinanzi al Riesame. E’ ovvio che si tratta di atti significativi perché serviranno anche alla difesa per capire quali sono le frecce di cui l’accusa dispone al proprio arco e riuscire anche a farsi un quadro completo su come si è svolta l’attività investigativa, avendo così la possibilità di prendere coscienza delle mille pieghe di un’indagine che certo sarà abbastanza complessa. Partendo da un presupposto: gli arrestati, evidentemente, ritengono che non possa uscir fuori nessuna sorpresa né tantomeno qualche asso nella manica da quelle carte, al punto che già dinanzi al gip ed ai pubblici ministeri, in prima battuta, non hanno inteso avvalersi della facoltà di non rispondere ma accettato pienamente il confronto con i magistrati che hanno seguito la vicenda. Mentre Pettorino e Tuccillo hanno già presentato istanza di scarcerazione dinanzi al gip per il loro assistito Antonello D’Abundo, e dunque bisogna desumere che a loro avviso già al termine del primo “round” non esistevano i presupposti per mantenere il foriano ai domiciliari, bisogna capire se nella giornata odierna analoga istanza sarà formulata da Bruno Molinaro per Vanni Ferrandino.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x