ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Fiamme al Pio Monte, i Verdi: «Un patrimonio abbandonato»

CASAMICCIOLA TERME. All’indomani dell’incendio scoppiato presso il Pio Monte della Misericordia, ci si interroga sui motivi che hanno spinto gli ignoti piromani al pericoloso gesto, ma c’è anche chi riflette sul destino tristemente noto della struttura un tempo simbolo del Comune termale. «In qualsiasi altro posto, il Pio Monte sarebbe un patrimonio da tutelare e valorizzare, ma a Casamicciola, come accade spesso per le bellezze ischitane, si preferisce abbandonare quel pezzo di storia dell’isola all’incuria e al degrado e l’incendio di queste ore è un’ulteriore dimostrazione».  A denunciarlo è il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, per il quale «non si può continuare a lasciare nel degrado il Pio Monte di Misericordia che invece dovrebbe essere recuperato e valorizzato, magari per ospitare qualche museo che ospiti testimonianze storiche dell’isola».  Una delle tante destinazioni che il Pio Monte potrebbe assumere; ne è consapevole lo stesso esponente dei Verdi: «E’ solo un’idea e altre decine potrebbero essere avanzate, ma l’unica cosa certa è che non si può continuare a lasciare in quelle condizioni quello che è un vero e proprio patrimonio» ha concluso Borrelli per il quale «potrebbe essere lanciato un concorso d’idee per decidere come recuperare quell’immobile e cercare poi i fondi necessari ricorrendo magari a fondi europei e regionali e, sin d’ora, garantisco il mio impegno per quanto può fare la Regione». Intanto, una nuova stagione turistica è iniziata, ma il Pio Monte resta ancora una volta il silenzioso monito all’incuria e alle pastoie burocratiche che hanno condannato all’abbandono la struttura simbolo della risorsa più tipica di Casamicciola: il termalismo. Dal 1973, anno della chiusura definitiva, è trascorso quasi mezzo secolo, fitto di polemiche e di tentativi di speculazione, mentre l’edificio è progressivamente caduto in rovina. Fino a entrare nelle cronache locali per motivi tutt’altro che edificanti, come l’incendio di due giorni fa oppure per le mura pericolanti che mettono a rischio le attività che comunque si svolgono negli spazi attigui.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close