CRONACA

IL CASO anche Capri vuole l’area marina protetta

Si è tenuta sabato ieri, presso il Cinema Internazionale di Capri, la presentazione pubblica di “Capriamoci”, associazione isolana impegnata nello sviluppo di un turismo responsabile che possa migliorare la vivibilità delle acque costiere.
L’incontro, che ha visto una folta partecipazione di pubblico, si è articolato attorno al tema della salvaguardia della risorsa mare, che da molti operatori del settore viene oggi considerata in grave pericolo. Il sovraffollamento di natanti, la loro eccessiva velocità e il loro eccessivo avvicinamento alla costa sono state infatti le maggiori criticità portate a galla dai membri dell’associazione, il tutto anche tramite video dimostrativi che ben illustravano la gravità di alcune situazioni. Proiettati, durante la presentazione, anche i video-messaggi di sostegno degli attori Giovanna Rei e Alessandro Preziosi, da sempre amanti di Capri, nonché un cortometraggio di Simone Di Martino incentrato sull’assalto al mare caprese nei febbrili mesi estivi.
“Il nostro principale obiettivo è quello di arginare ogni forma di speculazione del paradiso nel quale abbiamo il privilegio di affondare le nostre radici” ha dichiarato con fermezza Luca De Simone, presidente dell’associazione. “Tali azioni speculative – ha poi continuato – provengono sì dall’esterno, ma anche dall’interno della nostra comunità, perchè, ed è giusto sottolinearlo, noi puntiamo il dito anche contro alcuni nostri concittadini che, per pochi euro in più, non si preoccupano del futuro a cui stiamo destinando l’isola.”
I membri dell’associazione hanno anche annunciato un flash-mob “marittimo” davanti alla Grotta Azzurra, il cui fine sarà proprio quello di richiamare l’attenzione medianica sulle problematiche ambientali che affliggono il mare di Capri.
Nel corso dell’incontro sono intervenuti anche il sindaco di Capri, Gianni De Martino, e il Sindaco di Anacapri, Francesco Cerrotta, che hanno confermato il loro impegno nella realizzazione di un’area marina protetta. Un tema, questo, che si trascina ormai da anni, e che il 10 aprile sarà finalmente discusso al Ministero dell’Ambiente, proprio in presenza dei due primi cittadini isolani. Prima ancora di questa data, e più precisamente l’8 aprile, il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa sarà a Capri per i dieci anni del progetto di educazione ambientale di Marevivo “Delfini Guardiani delle isole minori”. Il Sindaco De Martino ha proposto di illustrare al Ministro, già in quell’occasione, le criticità sollevate dall’associazione “Capriamoci”. Significativo anche l’intervento del direttore generale del Porto Turistico, Carmine Sanna, che ha annunciato la prossima installazione dei famosi “seabin”, i cestini del mare che trattengono plastica ed altri materiali inquinanti. Numerosi poi gli interventi dei presidenti delle associazioni imprenditoriali, turistiche e ambientaliste, tutti concordi nell’istituzione di un’area marina protetta, sostenuta però anche da una maggiore responsabilità ambientale da parte di turisti e residenti.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button