Statistiche
CRONACA

IL CASO Campagnano e quelle palazzine nel degrado

Calcinacci che si staccano dai cornicioni e dai balconi con in alcuni casi in bella vista i ferri arrugginiti che fuoriescono dalla struttura in muratura, affacciate annerite dal tempo ed erbacce che inondano quelli che dovrebbero rappresentare i giardinetti sempre verdi di una zona residenziale in cui vivono centinaia di nostri concittadini. Non siamo in uno dei quartieri abbandonati e degradati della terraferma, ma siamo sulla bellissima e turistica isola d’Ischia. E precisamente nella ridente Frazione collinare di Campagnano dove vigneti e frutteti caratterizzano una ella zone più affascinanti e panoramiche dell’isola Verde. Qui, tra i palazzi delle case popolari, regnano da sempre l’abbandono sociale più assoluto e oltre alla fatiscenza degli immobili, i residenti devono fare quotidianamente i conti con le erbacce che infestano tutta l’area esterna che per questo è ricettacolo, soprattutto nelle ore serali e notturne, di topacci che scorrazzano ovunque.

E se qualche volta si è pulito, lo si deve solo a qualche volontario della zona che armato di buona volontà ha rimosso le erbacce. “Gennaro, non ne possiamo più di vivere in queste condizioni da terzo mondo. Se puoi dai voce al nostro disagio”. Con queste parole nei giorni scorsi un residente  ha chiesto il nostro intervento che come al solito non abbiamo mancato di fare. Intanto, soprattutto in questo periodo di grave emergenza sanitari, non è possibile tollerare una situazione di così grave abbandono sociale e chi di dovere deve intervenire, senza se e senza ma.

Articoli Correlati

2 Commenti

  1. Off topic
    Mi perdonerà il sig. Savio
    Che fine ha fatto il comitato dei lavoratori stagionali per l’ottenimento del bonus che tanti di noi stanno aspettando oltre ogni giustificabile ritardo ?
    Grazie

  2. Off topic
    Mi perdonerà il sig. Savio
    Che fine ha fatto il comitato dei lavoratori stagionali creato per l’ottenimento del bonus che tanti di noi aspettano con pazienza e oltre ogni ragionevole ritardo?
    Grazie

Rispondi

Back to top button