CULTURA & SOCIETA'

IL MESSAGGIO Festa dell’Albero, il messaggio agli studenti dell’Ibsen

Carissime cittadine e carissimi cittadini, oggi (ieri per chi legge, ndr) ricorre la Festa dell’Albero, una festa che ha radici lontane nei popoli dei greci e dei romani che hanno posto le basi della nostra civiltà. Grandi feste si tenevano, nell’antichità, quando si piantavano gli alberi ed il bosco spesso era ritenuto un luogo sacro destinato al culto della divinità. Già questi antichi popoli, benché privi delle nostre conoscenze scientifiche, avevano ben compreso l’importanza dell’albero per la vita dell’uomo. Oltre cento anni fa, nel 1898, fu un Ministro della Pubblica Istruzione a celebrare per la prima volta, questa festa per riconoscere all’albero la funzione che svolge di alleato strategico per l’essere umano. Non a caso il Ministro che istituì questa festa, Guido Baccelli, era un medico e quindi una persona che ha l’unico fine di lavorare per salvaguardare la salute delle persone.

L’albero ha proprio la funzione di tutelare la salute delle persone: senza ossigeno non si può vivere. Gli alberi, attraverso la fotosintesi clorofilliana che i vostri insegnanti sicuramente vi hanno spiegato, riescono a mantenere in vita la nostra specie umana e tutte le altre specie animali presenti sulla Terra. Gli alberi sono esseri perfetti in cui tutto funziona nei minimi dettagli, sono come un filtro che ci permette di respirare aria pulita. Le radici profonde e resistenti degli alberi impediscono le frane. L’albero protegge dalle alluvioni e dalle inondazioni. L’albero è una risorsa importante per mitigare i cambiamenti climatici e gli eventi termici estremi e contrasta l’inquinamento atmosferico. Alcuni alberi hanno pure la capacità di migliorare la qualità delle acque. Gli alberi ospitano gli uccelli e la fauna selvatica. L’albero dà grande soddisfazione agli occhi umani per la sua bellezza e maestosità e genera una profonda emozione quando scandisce la successione delle stagioni: le gemme dell’albero ci dicono che è primavera, la maturazione dei frutti ci avvisa che è arrivata l’estate, il tappeto di foglie colorate rosse, gialle, arancione ci racconta l’affacciarsi dell’autunno, la nobiltà dei rami spogli ci fa capire che l’albero sta in letargo per poter rifiorire e fruttificare nuovamente e così sempre nell’alternarsi delle quattro stagioni. Dobbiamo quindi essere attenti all’albero e curarlo e proteggerlo perché l’albero è un nostro amico silenzioso ma sempre laborioso.

L’Amministrazione comunale, ben cosciente della importanza dell’albero, sta lavorando per migliorare, implementare e conservare il patrimonio arboreo del nostro territorio. Avete sicuramente osservato la piantumazione di nuovi alberi a Piazza Marina, a piazzale Ancora, a Corso Luigi Manzi nei giardini della Parrocchia di Santa Maria Maddalena, sulla litoranea vicino all’eliporto, a Piazza Maio, nel Cimitero monumentale, in queste ore si stanno realizzando dei giardini a Perrone ed altri se ne realizzeranno alle Tre Croci, alla Sentinella. Non vi sarà sfuggita la potatura e la manutenzione degli alberi: lavori necessari per la crescita e la vita dell’albero. L’amministrazione comunale si sta prodigando, mediante la richiesta di finanziamenti, per ripristinare il polmone verde del Bosco della Maddalena e vigila costantemente sui boschi del Cretaio, della Selva Pera, del Celario, dell’Acqua Piccola, della Pera di basso, dei Cantoni di Crateca e su tanti altri boschi che hanno fornito, nell’economia rurale degli anni passati, anche i mezzi di sostentamento ai figli di questa terra e che costituiscono un patrimonio inestimabile per la intera comunità

Oggi (ieri per chi legge, ndr), in occasione della festa dell’Albero, il Comune ha regalato ad ogni Plesso Manzoni, Perrone e La Rita, un ulivo, un albero che è emblema di pace, di forza, di fede, di trionfo, di vittoria, di onore. L’ulivo simboleggia salvezza e prosperità. Stamattina lo pianterete in un vaso ed in questo vaso rimarrà fino a quando sarà messo a definitiva dimora nei giardini che saranno realizzati nei nuovi plessi che il Comune ricostruirà più belli e sicuri di prima. Ma molto dipende da voi, dal vostro impegno, dalla vostra dedizione, dalla cura che dedicherete all’albero del vostro plesso. Affidiamo questo albero a voi affinché possiate farlo crescere forte e vigoroso e sicuramente grande sarà la soddisfazione vostra e di tutti i cittadini di Casamicciola Terme nel vedere che questo albero, nonostante i sacrifici che dovrà affrontare in un recipiente stretto e sensibile alle condizioni estreme di caldo, vento, pioggia, avrà resistito e potrà esprimere tutta la sua grandiosità per le generazioni future tanto che voi potrete dire, con orgoglio e fierezza, “quest’albero l’ho piantato io”. Tanti auguri a tutti e buona festa dell’albero 2021

GIOVAN BATTISTA CASTAGNA (sindaco di Casamicciola Terme) e NUNZIA PIRO (presidente consiglio comunale)

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex