Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Il popolare Giovanni ancora sulla breccia : quando lo chiamavano “democrazia” e riusciva simpatico anche agli avversari

Il popolare Giovanni è nato democristiano in una casa dove si parlava democristiano con i ritratti al muro di Don Sturzo , De Gasperi e….Stefano Riccio / Nelle passate campagne elettorali ovunque si trovasse per sostenere il padre Antuono, qualche amico personale o se stesso, allegro e monello qual’era, finiva col riuscire simpatico perfino a chi non lo votava

Da ragazzo lo chiamavano “Democrazia”, significativo soprannome che l’ha accompagnato per tutta la sua fanciullezza ed oltre, sopratutto nel lungo periodo in cui ha seguito il padre Antuono, nelle epiche battaglie elettorali con la Democrazia Cristiana di Ischia Ponte, contro la Fratellanza e Lavoro di Porto d’Ischia, le due frazioni rivali che negli anni ’50 se le davano di santa ragione, a colpi di comizi in piazza e ondate di manifesti attaccati su tutti i muri del paese. Nel mezzo c’era il beato e scattante attivista Giovanni Sorrentino, ossia “Democrazia” che faceva valere il suo entusiasmo e il viscerale attaccamento allo Scudo Crociato, in qualsiasi manifestazione elettorale dell’epoca egli si trovasse.

ANNO 1990 – ISCHIA PONTE- GIOVANNI SORRENTINO SINDACO CON ENZO MAZZZELLA CANDIDATO ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE

Allegro e monello qual’era, finiva col riuscire simpatico perfino agli avversari. Giovanni Sorrentino ha vissuto di questa singolare eredità identitaria per il resto degli anni che l’hanno visto passare da “mascotta” della DC a personaggio simbolo della politica locale di oggi, conciliando molto bene, quando era ancora in attività, il suo mestiere di corriere impegnato, col proprio ruolo di politico di successo, almeno finchè è stato possibile. Poi il pensionamento dalla sua attività lavorativa per tuffarsi esclusivamente nell’agone della politica, vivendola a tempo pieno fino ad oggi , con nessunissima intenzione di gettare la spugna. Da candidato alle elezioni comunali ha conosciuto solo vittorie personali, registrando, suo malgrado, qualche piccola battuta d’arresto nelle ultime elezioni comunali passate dove pur conquistando un buon numero di voti, è riuscito lo stesso a collezionare lìennesimo ingresso consecutivo nel Civico Consesso del Capoluogo isolano. Se è vero come è vero, che una rondine non fa primavera, nemmeno questo unico neo nella esaltante carriera politica di Giovanni Sorrentino, debba rappresentare qualcosa di cui dolersi più del dovuto. Ormai è acqua passata. “Democrazia”, il cui soprannome lo riproponiamo solo per nostalgia, ha deciso di non fermasi. Chiuderà in bellezza.

michelelubrano@yahoo.it

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex