Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Ischia, all’asta l’ultimo manifesto funebre di Salvatore Iacono

Ecco la nuova trovata del celebre gallerista: appuntamento oggi, domenica di Pasqua, l’incanto si chiuderà martedì sera alle 21

Un incanto al miglior offerente che mette all’asta l’unica copia rimasta del manifesto funebre dedicato alla messa in scena della morte di Salvatore Iacono.

È la nuova trovata del noto gallerista di Ischia Street Art che, con un’operazione che ribalta i ruoli tradizionali, da gallerista diventa artista a tutto tondo, auto-producendo, in completa autonomia, un manufatto (multiplo) e mettendolo in vendita, senza l’intervento e/o la mediazione dell’artista.

Un evento del tutto innovativo, che rappresenta un unicum nella storia dell’arte. L’asta, che avrà inizio all’una di domenica 4 aprile e terminerà a mezzanotte di martedì 6 aprile 2021, si svolgerà sulle pagine social Instagram e Facebook di Salvatore Iacono e di Ischia Street Art Gallery, mentre le offerte dovranno pervenire, in privato, al seguente indirizzo di posta elettronica, salvatoreiacono@tim.it, corredate dei dati personali e del numero di telefono dell’acquirente.

L’opera messa in vendita è l’unica copia, non affissa e dunque intatta, del manifesto funebre riportante la notizia della morte dell’attivista e performer Salvatore Iacono, figura molto in vista e discussa dell’isola e non solo che, lunedì 29 marzo ha tappezzatole vie di Ischia con un centinaio di copie dello stesso manifesto, inscenando la sua morte e disseminando sgomento nei suoi compaesani e conoscenti, che hanno subito inondato il suo profilo Facebook di messaggi di cordoglio.

“Si usa uno specchio di vetro per guardare il viso e si usano le opere d’arte per guardare la propria anima”. Inizia così, con una citazione del poliedrico scrittore irlandese George Bernard Shaw, l’intervento urbano, tra i più provocatori finora attuati dal gallerista, a sostegno dell’arte contemporanea e a denuncia dell’attuale situazione nella quale essa riversa.

Ads

“E’ venuto a mancare improvvisamente il gallerista, attivista e performer Salvatore Iaconodopo una strenua opposizione alle restrizioni imposte dalla pandemia da Covid-19 che hanno duramente colpito il settore dell’arte e delle gallerie d’arte. Lo ricordano gli artisti, gli amici ed i collaboratori. I funerali si svolgeranno in forma privata e le ceneri saranno custodite nei locali della galleria di Ischia Street Artdi Forio in via Costantino 28. Si dispensa dalle visite e dai fiori.”.

Ads

E così prosegue il suddetto manifesto, del tutto realistico e credibile, se non fosse che a un occhio attento e allo sguardo di chi segue il lavoro di Ischia Street Art ed è informato sulla tipologia di interventi artistici messi in atto dal suo gallerista fondatore, non sfugge l’intento provocatorio, a denuncia della stasi nella quale l’arte, lentamente, sta morendo. Perché in effetti, anche se Salvatore Iacono è vivo e sta bene – e lo rende noto subito spiegando, nella stessa mattinata di lunedì, attraverso un post apparso sui suoi social network, lo scopo sociale della performance – in qualche modo è, e si sente, morto per le istituzioni e per uno Stato che, da oltre un anno ormai, continua ad ignorare le sue richieste, che altro non sono che i bisogni di un’intera categoria, quella delle gallerie d’arte, della quale Iacono si fa portavoce.

L’intervento, infatti, fa seguito a due social performance attuate nei mesi scorsi e aventi identico scopo: la prima, “C’è anche l’arte!”, realizzata a gennaio quando Iacono, facendo irruzione in un maxistore marchio Decò a Forio, ha posizionato due quadri di Di Caterino (scontati e svenduti) tra i ripiani dei generi alimentari; la seconda quando, a febbraio, i quadri sono stati esposti in chiesa, causando un certo scalpore mediatico nonché l’indignazione della comunità cristiana.

Entrambe le azioni sono un chiaro riferimento all’attuale situazione economico-finanziaria che attanaglia il mondo globalizzato, in particolare l’arte e la cultura, messe completamente da parte, lasciate nel dimenticatoio di questo momento buio che il cosmo sta vivendo, a causa del Covid-19 e delle restrizioni imposte dal Governo. In particolar modo, le gallerie d’arte stanno patendo gli effetti della crisi e dei mesi di chiusura imposti dai numerosi e ormai insensati DPCM, che si susseguono da marzo dell’anno scorso e che non danno tregua né speranza alla cultura e soprattutto al mondo dell’arte.

Salvatore Iacono non è nuovo a questo genere di interventi costruiti sul filo dell’illegalità, attraverso performance estreme di denuncia sociale e, fin dal primo lockdown, ha continuato la sua battaglia personale contro il sistema corrotto dell’arte contemporanea, a difesa dell’intero comparto delle gallerie d’arte italiane, senza lasciarsi fermare dalle costrizioni governative, ideando e inscenando nuovi modelli di fruizione dell’arte. Dai primi interventi di poster art realizzati con Street Art File Print da maggio ad agosto 2020, passando per le varie mostre/non-mostre con protagonista Mimmo Di Caterino (da Lockdown/Social alla più recente trilogia di Social Distancing), fino ad arrivare all’installazione – Oxygene di Michele Penna “Non dare per scontato l’aria che respiri!” – realizzata a dicembre scorso nei sei comuni dell’isola.

Il lavoro che da anni svolge Salvatore Iacono con Ischia Street Art Gallery, una “non-galleria”, una galleria a cielo aperto, centro d’arte e luogo multi-operativo, promulgatore di una cultura artistica e di rilancio del territorio, attrattiva turistica e snodo centrale di aggregazione sociale, è un lavoro più che significativo, essenziale per l’intera comunità dell’isola ma anche per tutti quegli artisti socialmente impegnati che trovano nella gallery un modo nuovo per esprimersi.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x