ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Ischia e Procida, piovono milioni per il restyling degli ospedali

Non sono affatto bruscolini, anzi: parliamo di ben 4 milioni di euro che sono stati stanziati per i presidi ospedalieri di Lacco Ameno (Rizzoli) e Procida (Gaetanina Scotto di Perrottolo).  È questa  la cifra complessiva che è stata messa a disposizione e potrà essere utilizzata per l’attuazione di interventi edilizi negli ospedali delle nostre due isole. Alcuni giorni fa, infatti, la Regione Campania, con decreto n.82, ha approvato il documento programmatico degli investimenti sanitari previsti per il triennio 2018-2020. Un atto, questo, che è venuto fuori in conseguenza della precedente deliberazione firmata lo scorso Luglio dal Consiglio dei Ministri che aveva demandato al Ministero della Salute e delle Finanze, l’attuazione, per il triennio in oggetto, dei programmi e degli interventi necessari a garantire i livelli essenziali di assistenza nell’ambito della rete ospedaliera nazionale.  Il documento programmatico approvato dalla Regione Campania prevede la ripartizione dei finanziamenti in due tranche  – una ammontante a circa 169.000.000 e l’altra di 386.000.000 euro – per interventi da realizzarsi entro il 2019 nei vari presidi ospedalieri del territorio campano.  Interventi che  comporteranno anche  l’aggiunta, complessivamente, di 1424 posti letto che andranno ad aggiungersi ai 18.204 oggi in dotazione e che permetteranno così di venire incontro alle richieste del bacino d’utenza.

Tra i 47 interventi di tipo prioritario, inclusi nella prima tranche,  figurano proprio quelli inerenti il Rizzoli di Lacco Ameno e il presidio ospedaliero Gaetanina Scotto di Procida.  Nello specifico, per il nosocomio ischitano è stata stanziata la somma di 3 milioni di euro di cui 2.550.000 saranno utilizzati per l’ampliamento del numero dei posti letto della struttura e 450.000 per l’ammodernamento e la fornitura di attrezzature. Stando alla scheda tecnica, allegata al documento di programmazione, trenta in tutto saranno i nuovi posti letto che andranno ad aggiungersi all’interno dell’ospedale lacchese con interventi ad hoc che partiranno dal prossimo anno e avranno la  durata di circa 550 giorni.  L’ampliamento dell’ospedale Rizzoli sembra essere in linea con quanto stabilito dall’atto aziendale pubblicato alla fine del 2016 dall’Asl Napoli2 Nord che prevedeva per il presidio ospedaliero di Ischia  la riorganizzazione del numero dei posti letto – fissati ad un totale di 114 –  da realizzarsi entro la fine dell’anno solare 2018. Un milione di euro è, invece, la cifra stanziata per il Gaetanina Scotto di Procida  per il quale si prevede la trasformazione da presidio ospedaliero in pronto soccorso, come stabilito dalla deroga del 2015, insieme ad un adeguamento dei servizi e alla dotazione di nuovi impianti tecnologici. Anche in questo caso, gli interventi partiranno nel 2018 e avranno la durata di un anno esatto, giorno più giorno meno.

I lavori di ampliamento e ristrutturazione dei due presidi ospedalieri saranno ovviamente realizzati tenendo conto anche  delle normative  antisismiche e di sicurezza.  L’adeguamento antisismico, neanche a dirlo, è, difatti, anche uno dei punti rivendicati con fermezza dal Cudas di Ischia che, nei mesi scorsi, alla luce del sisma che ha colpito l’isola lo scorso 21 Agosto, aveva sollecitato i vertici dell’Asl Napoli2 Nord e gli organi regionali affinchè si provvedesse alla celere messa in sicurezza del Rizzoli. Entro i prossimi due anni, quindi, la rete ospedaliera di Ischia e Procida sarà oggetto di  interventi strutturali e di ampliamento di massima importanza. Un atto questo certamente  dovuto alle due isole che da anni ormai devono far fronte a numerose carenze.

Corrado Roveda

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex