Statistiche
ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

L’11 maggio 2013 lo sbarco a Ischia del grande Vescovo Pietro

Il pomeriggio di cinque anni fa -un lustro- c’era un bel sole che illuminò lo sbarco sul porto d’Ischia dinanzi a alla Parrocchia di S. Maria di Portosalvo del suo nuovo grande Vescovo mons. Pietro Lagnese, Parroco di Vitulazio (Caserta) per ventisette anni. Ad accompagnarlo tutte le famiglie del borgo con poco più di settemila abitanti vitulatini, il gonfalone con lo stemma dello scudo simbolico rettangolare con ai lati un ramo di alloro e di quercia, con bacche d’oro, intrecciati con un nastro rosso e al cui interno raffigurati due tori rampanti su un piano azzurro. Significativo simbolismo di Vitulazio, dal latino ‘vitulus’=vitello’ e ‘aptius=più adatto’, per il grande figlio divenuto grande Vescovo e Pastore della diocesi d’Ischia. Ma il corteo era guidato (realmente) dalla onnipotente Patrona Santa Maria dell’Agnena (Agnena è un torrente che attraversa la cittadina con la verde e fertile campagna) e dal maestoso Crocifisso di 33 metri di Gesù Cristo Pasquale voluto e fatto costruire proprio dall’allora Parroco don Pietro Lagnese per ricordare il Giubileo del Duemila. Poi a piedi verso la Cattedrale d’Ischia Ponte e qui sul piazzale gremito ai piedi della simbolica fortezza del Castello, Icona religiosa e storica dell’isola, la profonda omelìa della S. Messa. Il cuore ci batteva di sicuro evento soprannaturale, perché lo sbarco e il possesso canonico nei primi vespri della solennità dell’Ascensione di NS Gesù Cristo avveniva nel giorno del nostro anniversario di matrimonio col dono da Dio di dieci figli più due in Paradiso. Avemmo l’occasione di dirgli: “Eccellenza, vi vogliamo bene!”. Ci rispose: “Grazie!”. E furono tante grazie, ancora di nuovi Sacerdoti figli prediletti della Madonna, e soprattutto il 13 ottobre dell’anno scorso 2017 con l’Atto solenne di consacrazione della diocesi al Cuore Immacolato di Maria NS di Fatima proprio dalla cattedra magisteriale d’Ischia Ponte in processione con tutti i Sacerdoti e Sindaci verso Santa Maria di Portosalvo, ove sbarcò cinque anni fa. Qui, ai piedi della sublime e profetica Icona il grande Pastore e Vescovo Pietro lesse l’Atto di Consacrazione a Maria: “Totus tuus, Maria” a nome di tutto il popolo. Noi gliel’avevamo domandato ed egli ci aveva invitato a pregare. Adesso quella Consacrazione è ripetuta nel primo sabato d’ogni mese al Cenacolo Mensile Mariano celebrato ancora con don Pasquale Trani presso la Parrocchia di Barano d’Ischia centro. Nel Cenacolo avverrà la seconda Pentecoste e per questo siamo invitati a ripetere la preghiera ad inizio del S. Rosario: -Vieni Spirito Santo; vieni per mezzo della potente intercessione del Cuore Immacolato di Maria, tua Sposa amatissima -. Maria è al centro della SS. Trinità. Maranathà: vieni Signore Gesù Cristo !

*Pasquale Baldino, Responsabile diocesano Cenacoli Mariani, docente Liceo, poeta (e-mail: prof.pasqualebaldino@libero.it)

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x