CRONACA

LA GRANDE PAURA Auto si ribalta sulla Superstrada, illeso il conducente

Per fortuna tutto si è concluso per il meglio, ma inizialmente la paura che potesse essere successo qualcosa di serio è stata davvero tanta. L’allarme è scattato nel primo pomeriggio di ieri sulla Sopraelevata di Ischia, una strada maledetta teatro negli anni di una serie impressionante di incidenti stradali spesso purtroppo anche mortali. Tutto è successo in un momento in cui per fortuna la strada era poco trafficata.

Una jeep condotta dall’ischitano Miriano Mancusi – conosciuto per essere uno dei fratelli che gestisce l’accorsato locale Porto 51 ubicato sulla Riva Destra del porto d’Ischia – secondo una prima ricostruzione dei fatti stava procedendo da Barano in direzione di Ischia quando all’altezza del ristorante L’Innominato è stato costretto ad una improvvisa e repentina sterzata, pare a causa dell’imprudente manovra del conducente di un’altra autovettura che stava uscendo da uno dei tanti varchi della zona.

L’improvviso cambiamento di traiettoria deve aver causato la perdita di stabilità del mezzo e il risultato è stato spaventoso: la macchina è andata in testa coda, ha sfondato la ringhiera sulla corsia opposta (ed è stato un vero miracolo che dall’altra parte non sopraggiungesse nessun veicolo) prima di finire nel terreno capovolta su se stessa.

I soccorsi sono scattati immediatamente e sul posto sono giunti i carabinieri della Compagnia di Ischia – guidati dal cap. Angelo Mitrione – e la squadra dei vigili del fuoco coordinata da Ciro Buono. Miriano Mancusi è uscito illeso dall’incidente anche se ovviamente era visibilmente provato per l’accaduto, sul posto anche i sanitari del 118: il giovane è stato comunque sottoposto ai controlli precauzionali del caso. Il traffico è rimasto dapprima paralizzato e poi a lungo ha proceduto a rilento. Le operazioni si sono concluse quando il carro gru dell’Aci ha provveduto a rimuovere la Jeep incidentata e per condurla presso il deposito di via Michele Mazzella.

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close