Statistiche
LE OPINIONI

La preoccupazione del proprietario dell’Hotel Gran Paradiso Nicola Lombardi: «Tanti timori da settembre in avanti»

Abbiamo ascoltato il proprietario dell’albergo Gran Paradiso di Casamicciola: «La stagione estiva, a mio modo di vedere, andava pianificata diversamente. Da parte di tutti doveva esserci la volontà di fare un turismo di qualità. Quest’anno poteva essere la svolta, e, invece, ci siamo ritrovati a dover lavorare con un turismo di massa, giornaliero e che si è concentrato soprattutto nella fascia centrale del mese di agosto. Nelle ultime tre settimane, in particolar modo a Ferragosto, si è lavorato tantissimo, ma con turisti che hanno approfittato del bonus vacanza o di offerte last minute». Nicola Lombardi ha aggiunto: «Abbiamo lavorato principalmente con una clientela regionale, al 90% si è trattato, infatti, di campani. Il turismo estero è stato del tutto inesistente quest’anno. Prima del lockdown, avevamo puntato tantissimo su mercati come quello tedesco e austriaco facendo delle apposite programmazioni, ma è stato tutto vanificato». Il proprietario del Gran Paradiso ha continuato: «Nella situazione attuale di pandemia a noi servono aiuti economici concreti da parte dello Stato, non crediti di imposta che certamente aiutano, ma che sono, alla fin fine, dei provvedimenti temporanei che servono per tamponare le ferite causate da tre mesi di chiusura totale». Lombardi ha concluso con un proprio pensiero su quello che ci aspetta in autunno: «Settembre è imminente e le paure sono tante. Allo stato attuale, non so se i numeri di luglio e agosto potranno essere replicati nel mese prossimo. Di sicuro le domande tra ottobre e novembre caleranno perché non ci sarà naturalmente più richiesta, ma a mepreoccupa molto l’inverno. I contagi, come testimoniano i numeri di queste settimane, aumentano sempre di più e non vorrei che si arrivasse ai primi mesi dell’anno prossimo con una nuova condizione di emergenza».

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button