CRONACA

La proposta Addio autocertificazione cartacea, gli spostamenti tramite app

Sarà scaricabile dal sito del Governo e unica per Android e iOS. E’ la proposta di Vittorio Colao, a capo della fase 2.

Una delle principali novità a cui sta lavorando la task force della cosiddetta “Fase 2” per la ricostruzione economica del Paese guidata da Vittorio Colao sarebbe una app per gestire le autocertificazioni e geolocalizzare i cittadini, monitorando così gli spostamenti di chi è risultato positivo al coronavirus.

Un’app unica per Android e iOS che non solo consentirà le autocertificazione ‘digitali’, ma geolocalizzerà le persone. Un tracking simile è stato adottato nella Corea del Sud, paese che, tramite questo sistema, ha attuato un controllo capillare dell’epidemia del Covid-19.

Colao e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte hanno già discusso su questa proposta nella riunione di insediamento della task force a Palazzo Chigi.

La app, secondo quanto scrive il quotidiano romano, avrà anche un sistema di allerta per segnalare gli spostamenti, specie di individui soggetti a restrizioni – e risultati quindi positivi al virus – ricostruendo tutti i contatti avuti.

Resta ancora da capire, invece, se avrà un ruolo, alla fine del lockdown, anche nella gestione e nel controllo del flusso di persone sui mezzi pubblici e nei locali pubblici più affollati.

«La fase 2 sarà molto più articolata, con una batteria ulteriore di strumenti, una app sui contagi. Gli italiani che lo vorranno potranno essere tracciati nelle loro relazioni», aveva anticipato Colao nei giorni scorsi. Oltre a sostituire l’autocertificazione cartacea, l’applicazione – che sarà scaricabile da un sito del governo – dovrebbe infatti consentire la geolocalizzazione dei cittadini. L’idea è di poterla utilizzare per i tracciamenti, come già oggi avviene in Corea, per monitorare con precisione la diffusione del virus».

Al vaglio degli esperti ci sono anche le modalità per l’allentamento delle misure restrittive.

Se per le aziende un nuovo step di riaperture potrebbe scattare già il 20 aprile, per i cittadini la data chiave resta al momento il 4 maggio. Ma non per tutti. Il ritorno alla normalità, è l’ipotesi sul tavolo, avverrà infatti per fasce d’età: prima i più giovani, la platea meno a rischio, poi via via tutti gli altri. Gli ultimi a uscire di casa saranno gli anziani.

Tags

Articoli Correlati

18 Commenti

  1. Scusate, ma se c’è la necessità di tracciare le persone, è indiscutibile che si prevedono altri contagi, sul posto di tracciare noi italiani, le frontiere ed aeroporti dovrebbero avere controlli fiscali, non superficiali. Vedi sbarchi. Non è polemica, è una mera osservazione di questo complotto, uscito di mano, ma presente.

  2. Capisco che i giovani hanno la priorità, ma ci sono anziani, ed anziani.io ho 70 anni ma biologicamente ne
    ho tra i 50/60.percio questa storia che noi dobbiamo essere gli ultimi,francamente non la digerisco. Spero di essere
    stato chiaro. BUONGIORNO

  3. Spero che siano gli anziani costretti in carrozzella purtruppo. Quelli abili e che possono anche camminare o addirittura correre, no spero. Grazie

  4. Forse si prevede per gli anziani purtroppo costretti in carrozzella. Ma per quelli che vivono da soli e che devono e possono provvedere a se’ stessi e che sanno ancora camminare ed addirittura correre spero di no.

  5. E quando ci sono giovani che vivono con anziani in casa, come viene risolto il problema? Indipendentemente dal fatto che ci possono essere giovani a rischio e anziani perfettamente sani.Francamente ancora una volta queste decisioni mi lasciano alquanto perplesso!!!

  6. Ma ditemi quanto è pesante portare un foglio dietro per ogni spostamento???? Non stiamo a fare un’app del cazzo dovete risolvere più seriamente siete dei pagliacci

  7. Un’App per monitorare gli spostamenti dei cittadini, come se fossimo criminali in libertà vigilata?? Se lo scordassero. Sono degli incompetenti e al servizio delle lobbies di turno. Adesso di quelle della telefonia mobile, domani dei vaccini che, ovviamente, resteranno su di noi! Politici incompetenti, a casaaaa!!

  8. Sappiamo tutti che la maggior parte del volontariato si a c’entra sugli over, quindi sappiamo anche che le associazioni se nn ci sono volontari cessano le loro attività o le riducono al minimo… Quindi?? Cosa mi dite??

  9. Ma francamente neppure nella vecchia unione sovietica sono arrivati a tanto ,invece di sperperare denaro per app varie per tracciare i nostri movimenti la smettessero di prenderci per i fondelli con questa finta pandemia costruita ad oc e diteci le cose come stanno perché prima o poi la verità uscirà fuori e non c’è immunità giudiziaria che vi proteggerà.

  10. Il solito pasticcio all’itaGliana. Mentre altri stati riprendono le missioni spaziali qui stiamo a giocare coi droni e a fare i guardoni con le app…

  11. Mi chiamo Roberto e mi ritengo un diversamente giovane ,perché biologicamente ho 71 anni ma ne dimostro 55 -58 di anni e non ho niente di meno dei giovani eccetto l’età.Quello che sento in tv o leggendo, è che gli anziani saranno gli ultimi ad uscire ma con quale criterio dicono queste stronzate!!!!

  12. Secondo me non sanno nemmeno loro cosa fare io ho avuto il coronavirus fortunatamente ne sono uscendo stando in casa. Qualcuno mi spiega come fanno a stabilire chi è positivo o meno dato che a me non è stato fatti nemmeno il tampone I mediche di base comunicato a chi di dovere che ero ammalata? Come fanno a sapere se io sono stata in contatto con un positivo? E chi non ha la possibilità di scaricare questa applicazione? Insomma trovo un gran casino e basta. Tendi presente che secondo me il virus sta già in giro a gennaio e come al solito il governo secondo menon ha preso le misure adeguate. Vergogna

  13. si tracciassero loro cosi almeno potremmo riempirli di calci nel sedere . Parassiti politici inutili.
    Tanto è quello a cui volevano arrivare una bella dittatura. Già 10 anni fa si parlava dei microchip sottopelle…
    Ora che tutti hanno paura dell influenza vai con i vacccini(inutili) l influenza cambia ogni anno….e con il controllo della popolazione.
    Ovvio che se poi sei un africano o italiano se no passo per razzista in giro a spacciare nelle piazze mentre tutti sono chiusi 40ena tu nn ti ammali sono solo quelli chiusi in casa ipossibili untori..a si e quelli che fanno joggin poi…

    Che paese di merda

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close