CRONACA

Lacco Ameno, per i Cas altri 128mila euro

La misura decisa dopo la validazione di altre 161 istanze. L’ulteriore importo è comprensivo del mese di agosto

Con apposita determina, la responsabile del settore Affari Generali del Comune di Lacco Ameno, dottoressa Galano, ha disposto l’integrazione della liquidazione delle somme dovute a titolo di Contributi di autonoma sistemazione (Cas) per i cittadini colpiti dal sisma. La dirigente ha dato atto dell’istruttoria effettuata dall’Avvocato Diego Stoppiello, responsabile del procedimento per i Cas, provvedendo a validare altre 161 istanze, anche in base alle dichiarazioni in autocertificazione trasmesse dagli interessati, in ordine alla “persistenza dei requisiti per beneficiare del contributo”. È stato così integrata la liquidazione delle somme dovute di cui alla determina n.93 del 2 agosto 2019 con ulteriori importi, comprensivi del mese di agosto 2019, pari ad € 128.043,66. Il contributo è elargito ai sensi dell’Ordinanza del Capo Dipartimento della Protezione Civile n. 476 del 29/08/2017e della nota del Commissario Delegato n. 245 del 23/10/2017, ai nuclei familiari indicati nell’elenco allegato alla determina, visibile sull’albo pretorio, per il periodo indicato a fianco di ciascun nominativo. L’effettivo pagamento delle somme scatterà al momento dell’accredito delle risorse da parte del Commissario Straordinario per la ricostruzione dei territori dell’isola d’Ischia interessati dal sisma del 21 agosto 2017, a valere sul fondo previsti dall’art. 19 del d.l. n. 109/2018, convertito dalla l. n. 130/2018, in considerazione dello stato di dissesto finanziario dell’ente di Piazza Santa Restituta.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Ritengo che sia più che legittimo che vengano effettuate verifiche sulla effettiva presenza stabile di un nucleo familiare, al di là delle relative residenze fittizie, negli immobili colpiti dal sisma del 17/08/2019.
    Basterebbe controllare i contratti di energia elettrica, idrica e/o telefonica presso il presunto alloggio locato dopo il terremoto e si che molti presunti “terremotati” dovrebbero essere denunciati per truffa.

Rispondi

Back to top button