ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Macchia d’olio nel porto d’Ischia, i Verdi: «Ormai è terra di nessuno»

ISCHIA – Un vero e proprio scandalo, che per di più si è consumato nel porto di Ischia, che almeno in teoria dovrebbe rappresentare l’anticamera di una delle isole più belle del Mediterraneo. Il condizionale, mai come in questi casi, è d’obbligo, non fosse altro perché l’ultima cosa che si dovrebbe mostrare a un turista appena giunto sulla nostra isola è una vistosa macchia d’olio. Una bruttissima cartolina, che ieri mattina si è palesata purtroppo davanti agli occhi attoniti di coloro che, ammirando le acque del porto, hanno notato che qualcosa – nel loro colore e odore – non andava affatto. «Gli ischitani e quanti arrivano sull’isola per lavoro o per turismo ogni giorno, questa mattina (ieri per chi legge, ndr), hanno trovato una brutta sorpresa perché nelle acque antistanti il porto, a ridosso della biglietteria dei traghetti, c’era una grandissima macchia oleosa che emanava anche un pessimo odore di carburante». A rilasciare queste dichiarazioni e a denunciare la vergognosa circostanza è stato, nel corso della giornata di ieri, il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, che ha aggiunto: «la macchia era evidente, come ha sottolineato anche il consigliere di Municipalità del Pd Marcello Martusciano, arrivato al porto questa mattina (ieri per chi legge, ndr)».

«Ancora una volta – prosegue il consigliere Borrelli – bisogna fare i conti con un inquinamento evidente del porto di Ischia dove davvero sembra che non ci siano regole e chiunque pensa di avere il diritto di fare quel che vuole, anche di sversare in mare migliaia di litri di carburante che poi rende il mare inquinato e puzzolente. Si controlli per bene chi è entrato e uscito dal porto nel corso della notte e delle prime luci dell’alba per capire chi è stato a provocare quell’enorme macchia d’olio per poi multarlo e costringerlo a pagare le spese per la pulizia straordinaria in un’area che sembra diventata terra di nessuno e nella quale – chiosa il consigliere regionale – è necessario un intervento forte e deciso della Capitaneria di porto». FRA.CAS.

 

 

 

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex