CRONACAPRIMO PIANO

Madonna di Zaro, Pascarella e Villano riaprono le indagini

Clamoroso ma non troppo, il neo vescovo d’Ischia e l’amministratore apostolico della Diocesi decidono di vederci chiaro sulle apparizioni nel bosco foriano che ormai si succedono dal 2014. La comunicazione attraverso una lettera aperta firmata a quattro mani e diffusa nella giornata di ieri

Con una lettera scritta “a quattro mani” i vescovi di Ischia e Pozzuoli riaprono le indagini sulle misteriose apparizioni della Madonna di Zaro nell’isola d’Ischia. Un giallo anche religioso alimentatosi intorno al noto bosco nel comune di Forio sul quale la diocesi vuole tentare di fare chiarezza dopo anni di stagnante silenzio .Anni in cui gli affari che hanno gravitato intorno ai fenomeni segnalati sono lievitati, hanno mosso alla creazione di società e partenariati giungendo persino alla acquisizione di cespiti è terreni.

“Questa particolare lettera pastorale, che ho deciso di scrivere a quattro mani con il vescovo eletto delle nostre diocesi, Pozzuoli ed Ischia, in merito ai presunti fatti soprannaturali di Zaro, vuole essere un atto di testimonianza e di speranza– si legge nella lettera di Pascarella e Villano- Testimonianza, prima di tutto, del cammino sinodale che la Provvidenza ha fatto compiere alle nostre comunità diocesane. Nel momento in cui Papa Francesco ha voluto riunire “in persona episcopi” queste due Chiese dalla lunga ed antichissima storia, doni, cammini ed eventi dell’una sono diventati i doni, i cammini e gli eventi dell’altra. Si è così creata una circolarità della carità, che diventa sempre più autentica nella misura in cui i carismi e le preoccupazioni dell’una sono diventati anche i carismi e le preoccupazioni dell’altra. Testimonianza, ma anche speranza che le nostre Chiese diano il frutto del centuplo evangelico e generino al Signore un popolo adulto e maturo, capace di valutare i “segni dei tempi” e quel che lo Spirito dice alle Chiese. Un popolo sinodale, Pastori e Fedeli, è maturo quando sa gioire per quel che Dio dona con abbondanza, misericordia e tenerezza al corpo ecclesiale. Ce lo ricorda apertamente Papa Francesco quando scrive: “Ci sono parecchie forme di bullismo che, pur apparendo eleganti e rispettose e addirittura molto spirituali, provocano tanta sofferenza nell’autostima degli altri”.

Gli alti prelati parlano di un popolo maturo che deve preparasi alla verità contro la spettacolarizzazione e il bullismo. Sarebbe il caso di dire: finalmente! Nel lungo testo ricco di citazioni non mancano i riferimenti: “Un popolo sinodale, Pastori e Fedeli, è maturo quando si preoccupa della verità e si mette a servizio della verità. Ciò significa evitare le trappole e le illusioni del “consumismo spirituale” oggi assai in voga. Questo cammino di “deformazione” degli affetti, della mente e dell’anima è spesso solleticato dalle notizie di visioni e apparizioni. Il consumismo spirituale fa della ricerca di quel che è “straordinario” il suo nutrimento, perché nel suo delirio di onnipotenza disprezza tutto ciò che ha a che fare con la quotidianità, con la piccolezza, l’umiltà, la fragilità, il mistero, il silenzio, il nascondimento. Di conseguenza, predilige solo quello che crede essere alla sua altezza: quel che è spettacolare, quel che può essere proprietà solo di alcuni “eletti” e non di tutti, quel che si impone alla ribalta, dando notorietà e potere sulle coscienze e sulle vite degli altri, quel che prende possesso del futuro e pretende di annunciarlo con dovizia di particolari, quel che promette di non passare attraverso lo spessore dell’oscurità della vita e di regalare guarigioni e illuminazioni a quelli che le meritano (magari con la loro generosità economica a favore dei privilegiati dal divino e delle loro opere)”.

Sottili le accuse-”Il desiderio che la gioia cristiana si diffonda non può, quindi, pensare di crescere occultando la verità. La verità può essere occultata in molti modi. Uno di essi è il disinteresse: non mi interessa che la comunità possa essere scossa da lupi e predatori travestiti da agnelli… Cercare la verità vuol dire non voltarsi dall’altra parte. Cercare la verità vuol dire sentire l’imperativo della reciproca custodia fraterna. Cercare la verità vuol dire discernere l’intimo ed essenziale legame che c’è tra i presunti fatti soprannaturali, che vengono raccontati, e la Parola, la Pasqua, la Pentecoste.Sono queste, le coordinate che hanno suscitato e guidato il vescovo di Ischia Pietro Lagnese, nel 2014, ad intraprendere il percorso ecclesiale di discernimento dei presunti fatti soprannaturali di Zaro. Fenomeno che accompagna la comunità cristiana e la stessa storia dell’Isola dal 1994 ad oggi”.

Ritorna cosi la speciale commissione del 2014 , cessata nel 2020 sui presunti fatti soprannaturali ovvero “Nel 2014 venne perciò insediata dal vescovo Pietro la speciale Commissione. Ne sono stati membri anche esperti e studiosi chiamati da Papa Benedetto XVI, nella Commissione Pontificia Internazionale di Studio sugli eventi di Medjugorje. Da allora, con pazienza e perseveranza, sia sull’Isola che in altre sedi, la commissione ha lavorato sulla base delle Norme per procedere nel discernimento di presunte apparizioni e rivelazioni fissate dall’allora Congregazione (oggiDicastero) per la Dottrina della Fede, alternando l’ascolto delle persone, l’analisi dei documenti, il libero ed aperto confronto tra i commissari, le possibili valutazioni dei fatti (la loro origine e i loro significati), i relativi suggerimenti pastorali. Nel momento in cui il vescovo Pietro è stato chiamato a guidare la Chiesa di Caserta, come prevede il Diritto Canonico, la Commissione ha cessato di esistere nel 2020, terminando così la sua indagine ufficiale, non prima però di aver fornito al vescovo una precisa relazione sul lavoro svolto e sui risultati raggiunti fino a quel momento, unitamente alle prospettive che ne scaturivano. Da allora sono passati circa tre anni. Le Chiese di Ischia e di Pozzuoli sono state unite “in persona episcopi” e continueranno ad esserlo anche per l’immediato futuro, quando il vescovo Carlo mi succederà con la celebrazione della presa di possesso. Questi tre anni sono stati un tempo di accoglienza reciproca, nel quale io e poi il vescovo Carlo ci siamo immersi, senza diventare schiavi della fretta e della superficialità, con l’attenzione che sa valorizzare il tempo dilatandolo quando sia necessario a costruire rapporti e relazioni che non siano di pura e abitudinaria facciata”.

Ads

Senza operazioni di facciata e con metodica e studiata calma? Sarà, davvero, solo il tempo a poter dire se la strategia religiosa e degli uomini che la governano avrà prodotto i suoi frutti concreti. Intanto scrivo Pascarella e Villano :“In questo cammino di accoglienza abbiamo preso visione della relazione della commissione, ampliato la nostra conoscenza del fenomeno anche attraverso il servizio reso dall’inviato speciale del Vescovo, abbiamo ascoltato diverse persone, ci siamo confrontati su quali passi avrebbero ora portato maggiore beneficio in primis e in modo diretto alla Chiesa di Ischia, abbiamo chiesto al Signore lo Spirito e il dono del discernimento. Siamo, quindi, giunti alla decisione unanime di proseguire il percorso ecclesiale di discernimento. Verrà, , ricostituita la speciale Commissione diocesana di studio. Al fine di facilitare il percorso canonico della sua istituzione, la commissione sarà nominata dopo che il vescovo Carlo avrà preso possesso della diocesi.  Perché si possa realizzare la parola dell’Apostolo: «Non spegnete lo Spirito, non disprezzate le profezie; esaminate ogni cosa, tenete ciò che è buono. Astenetevi da ogni specie di male».La Santa Madre del Signore, madre e modello della Chiesa, ci sostenga in questo cammino di fedeltà al Vangelo e alla storia, affinché diventiamo artefici di un futuro di pace nel segno del dialogo, dell’incontro, della cooperazione e del rifiuto della violenza. Dio vi benedica tutti!”. Concludono cosi la loro lettera condivisa Gennaro Pascarella, Carlo Villano amministratore apostolico vescovo eletto di Pozzuoli ed Ischia di Pozzuoli ed Ischia.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Controllare Anche
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex